Pasolini, un uomo solo

0
167

Il 2 novembre 1975, all’alba, in un campo fangoso della periferia romana di Ostia viene rinvenuto il cadavere sfigurato di un uomo. É stato colpito con ottusa ferocia, ma la morte è causata da un’auto che lo travolge mentre è a terra, forse ancora cosciente. Muore così, in uno dei luoghi da lui descritti nei suoi libri, forse per mano di qualcuno simile ai suoi personaggi, Pier paolo Pasolini.

Pasolini, come Socrate, è uno di quegli uomini che, da soli, portano le masse più avanti nella via del progresso. Pasolini, come Socrate, è la vittima designata

Pasolini avrebbe avuto tutto per riuscire comunque: sensibilità, talento, cultura; ma, diversamente da altri anche suoi illustri contemporanei, sommava a queste sue doti il pesante fardello della sua diversità che lo porterà ad assumere sempre una posizione non allineata, e forse anche per questo più lucida. Pasolini – come Socrate – è la voce della rabbia che definisce le coordinate per la critica della società; Pasolini, come Socrate, è uno di quegli uomini che, da soli, portano le masse più avanti nella via del progresso. Pasolini, come Socrate, è la vittima designata.

la maturità che gli fa cogliere i segni della mutazione antropologica che comincia con il boom economico, e l’inizio della vecchiaia ha i toni cupi degli anni di piombo che verranno

La sua vita si snoda in presa diretta con quella del Paese: l’esuberanza della gioventù coincide con l’ottimismo degli anni della ricostruzione, poi la maturità che gli fa cogliere i segni della mutazione antropologica che comincia con il boom economico, e l’inizio della vecchiaia (che non ha avuto) ha i toni cupi degli anni di piombo che verranno. E’ il primo a puntare il dito contro il malaffare democristiano e l’alleanza tra vertici statali e grande capitale ai danni dei cittadini. E’ il primo a denunciare il conformismo che si annida dietro la rivolta giovanile del ’68. E’ attaccato da destra e da sinistra – lui, antifascista espulso dal PCI per la sua omosessualità e condannato ad una perpetua “non appartenenza”. Anche OSSERVATORIO7 è uno dei migliaia di figli illegittimi (e inadeguati) dei suoi “Scritti corsari” – testimonianza della sua capacità di cogliere la realtà in presa diretta.

Ma Pasolini non è solo lo straordinario interprete dell’Italia del secondo ‘900. E’ stato poeta prolifico e di rara intensità; critico letterario di spessore e romanziere di livello assoluto; commediografo e regista di capace di regalare emozioni e polemiche ancora oggi non sopite: mi vengono in mente Supplica a mia madre tratto da Poesia in forma di rosa; Ragazzi di vita e Una vita violenta; Affabulazione; Mamma Roma, Accattone, Teorema. L’ultima, struggente apparizione di Totò in Cosa sono le nuvole? episodio del film Capriccio all’italiana.

La sua figura di intellettuale assoluto impegnato nella costruzione (per forza critica) della cultura del Paese non ha trovato un successore per spessore e intensità

Le cose più belle che ho letto su di lui appartengono al bellissimo e (credo) mai ristampato “Morte di Pasolini” del poeta Dario Bellezza; le più inquietanti, dell’amico Giuseppe Zigaina. La sua figura di intellettuale assoluto impegnato nella costruzione (per forza critica) della cultura del Paese non ha trovato un successore per spessore e intensità. Una Sinistra che possa dirsi tale non può non avere, tra i suoi riferimenti, la sua opera.

Previous articlePier Paolo Pasolini e quella morte cruenta
Next article2 novembre 1755 nasce Maria Antonietta
Sono nato a Firenze nel 1968. Dai 19 ai 35 anni ho speso le mie giornate in officine, caserme, uffici, alberghi, comunità – lavorando dove e come potevo e continuando a studiare senza un piano, accumulando titoli di studio senza mai sperare che un giorno servissero a qualcosa: la maturità scientifica, poi una laurea in “Scienze Politiche”, un diploma di specializzazione come “Operatore per le marginalità sociali”, un master in “Counseling e Formazione” ed uno in “Programmazione e valutazione delle politiche pubbliche”, un dottorato di ricerca in “Analisi dei conflitti nelle relazioni interpersonali e interculturali”. Dai 35 ai 51 mi sono convertito in educatore, progettista docente universitario, sociologo, ma non ho dimenticato tutto quello che è successo prima. È questa la peculiarità della mia formazione: aver vissuto contemporaneamente l’esperienza del lavoro e quella dello studio – due percorsi completamente diversi sul piano materiale ed emotivo, che trovano un punto di sintesi nell’acquisizione di esperienze e nella ricerca di strumenti in grado di analizzarle. Ho buttato via un’enormità di tempo, e pubblicato qualcosa: alcuni racconti e poesie (primo classificato premio letterario nazionale Apollo d’oro, Destinazione in corso, Città di Eleusi), ho esordito nel romanzo con "Le stelle sul soffitto" (La Strada, 1997), a cui è seguito il primo noir "Sotto gli occhi" (segnalazione d’onore Premio Mario Conti Città di Firenze, La Strada, 1998); ho vinto i premi Città di Firenze e Amori in corso/Città di Terni per la sceneggiatura del cortometraggio "Un’altra vacanza" (EmmeFilm, 2002), e pubblicato il racconto "Solitario" nell’antologia dei finalisti del premio Orme Gialle (2002). Finalista anche nel 2014 al festival letterario Grado Giallo, sono presente nell’antologia 2016 del premio Radio1 Plot Machine con il racconto "Storia di pugni e di gelosia" (RAI-ERI). Per i tipi di Delos Digital ho scritto gli apocrifi "Sherlock Holmes e l’avventura dell’uomo che non era lui" (2016), "Sherlock Holmes e il mistero del codice del Bardo" (2017), "Sherlock Holmes e l’avventura del pranzo di nozze" (2019) e il saggio "Vita di Sherlock Holmes" (2017). Sociologo, mi occupo di ricerca sui temi della politica, della comunicazione, della disabilità, della violenza di genere, e svolgo attività di docenza e formazione in ambito universitario. Tra i miei ultimi saggi: "Modelli sociali e aspettative" (Aracne, 2012), "Undermedia" (Aracne, 2013), "Deprivazione Relativa e mass media" (Cahiers di Scienze Sociali, 2016), "Scenari della postmodernità: valori emergenti, nuove forme di interazione e nuovi media" (et. al., MIR, 2017), Identità, ruoli, società (YCP, 2017), "UniDiversità: i percorsi universitari delgi studenti con svantaggio" (et. al., ANCI, 2018). Con "Linea Gotica" (Damster, 2019) ho vinto il primo premio per il romanzo inedito Garfagnana in giallo Barga noir. Il breve saggio "Resistere è fare la nostra parte" è stato pubblicato nel numero 59 della rivista monografica Prospektiva dal titolo “Oltre l’antifascismo” (2019). Dal 2015 curo il mio blog di analisi politica e sociale osservatorio7 (www.osservatorio7.com, oggi su www.periodicodaily.com). Tutto questo, tutto quello che ho fatto, l’ho fatto a modo mio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here