Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano

0
788

Il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano è stato istituito nel 1996. Ne fanno parte l’Elba, il Giglio, Capraia, Gorgona, Pianosa, Montecristo e Giannutri. Il parco vanta inoltre il riconoscimento, da parte dell’Unesco, di Riserva della Biosfera. Conseguito nel 2003, nell’ambito del programma “Man and Biosphere”. Il programma che si occupa di promuovere il rapporto tra uomo e ambiente. Vediamo insieme alcuni tra gli obbiettivi che si pone.

Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano: quali sono gli obbiettivi e i programmi?

Il programma sull’uomo e la biosfera, chiamato “MAB”, è uno dei sei programmi dell’Unesco. Questo, si occupa di promuovere il rapporto tra uomo e ambiente. Il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano nel 2003 è entrato a farne parte. L’obbiettivo primario è quello di gestire in modo consapevole le risorse della biosfera. Tenendo bene a mente la tutela del benessere dell’ambiente e degli esseri umani. Altro obbiettivo importante è, sicuramente, quello di promuovere un turismo sostenibile. Si può rimanere sempre informati sulle attività promosse tramite il sito ufficiale: www.isoleditoscanamabunesco.it. E tramite canali social: Instagram, Facebook e Youtube. Strumenti di comunicazione, che puntano a coinvolgere e stimolare la comunità e a tutelare i valori della biodiversità. Arrivando direttamente al cuore dei più giovani. Per fare in modo che siano loro oggi, per il domani, a convivere nel rispetto del nostro pianeta. Vediamo insieme alcune delle iniziative proposte nel 2021.


Parchi Nazionali nel mondo: 10 luoghi imperdibili


Gorgona: aperte le prenotazioni per visitare l’isola carcere

Gorgona è l’ultima, tra le isole Italiane, ad essere rimasta attiva come carcere. È inoltre la più piccola tra le isole dell’arcipelago. Uno spazio dedicato al riscatto sociale dei detenuti. Dove hanno la possibilità d’imparare un mestiere, immersi nella natura incontaminata. Trascorrendo le loro giornate a coltivare vigneti e ulivi. Saranno 20 le date disponibili per visitare il territorio. La prima in programma per sabato 20 marzo, con partenza da Livorno. Un’occasione un’unica per conoscere l’isola più da vicino. Per motivi di sicurezza, inoltre, non verrano accettate più di 100 persone per ogni giornata. Le visite dovranno, inoltre, essere autorizzate dall’Amministrazione Penitenziaria che si accorderà con l’Ente parco. Non sarà possibile muoversi singolarmente ma solo a seguito della guida. L’uso di cellulari e apparecchiature fotografiche sarà vietato. E il divieto sarà esteso anche per quanto riguarda la balneazione. La visita potrà essere prenotata direttamente online sul sito www.islepark.it.

Young reporter: 16 ragazzi per la comunità redazionale diffusa

L’obbiettivo è di riuscire a coinvolgere i giovani. Rendendoli responsabili di trasmettere i valori del riconoscimento Riserva della Biosfera. Nell’ambito del programma “Man and Biosphere”. In questo progetto, il messaggio verrà trasmesso attraverso una Comunità Redazionale Diffusa. Si gestiranno, quindi, in modo cooperativo gli strumenti di web-marketing, al fine di promuovere prodotti e territorio. Provando a raggiungere un pubblico nuovo. L’8 gennaio scorso, si è svolto il primo incontro online a cui hanno partecipato i 16 ragazzi. A unirli soltanto l’entusiasmo e l’amore per le isole. Molto diversi infatti per età e provenienza. S’impegneranno a seguire un programma di formazione. Un percorso breve ma completo. Alla fine del quale utilizzeranno propri contenuti, coerenti con il piano redazionale definito, per sponsorizzare le isole. Articoli, video, foto e post. Per tutta la durata dell’anno 2021. L’idea è proprio quella di riuscire a trasmettere sensazioni da occhi diversi.