Parchiaperti: il sito web che promuove i parchi italiani

In un periodo in cui non ci possiamo permettere viaggi troppo lontani da casa, Parchiaperti può rivelarsi più che utile

0
264
Parchiaperti

La pandemia ha comportato una brusca frenata per il turismo. Non solo per quello artistico. I musei non sono, infatti, gli unici che hanno subito perdite. Anche i parchi nazionali italiani non hanno potuto contare sull’affluenza degli anni precedenti. Così come i parchi regionali. Per non parlare delle numerose riserve naturali. Ecco perché Federparchi ha promosso l’iniziativa Parchiaperti. In modo da rilanciare il turismo. Anche a livello locale.

Cos’è Parchiaperti?

Come già accennato, Parchiaperti è un progetto di Federparchi. Non solo, però. Anche Dynamoscopio e Jacoguides hanno collaborato. Entrambi infatti si occupano di valorizzazione del territorio. Punto focale dell’iniziativa è quello di promuovere i parchi italiani. Come si legge sul sito, infatti, si è sentito il “Bisogno di dare valore alla Natura come fonte di benessere“. Ciò è legato a un altro punto fondamentale. Quello di incoraggiare il turismo, per l’appunto. Un turismo più sostenibile, però. Si potrebbe dire quasi a chilometro zero.

Come funziona Parchiaperti?

È necessaria una precisazione. Parchiaperti è prima di tutto un sito internet. Intuitivo e semplice da usare. Queste caratteristiche sono fondamentali. In particolare, se un progetto si basa su un sito internet. D’altronde, rendere una piattaforma fruibile è il primo passo per attirare l’attenzione delle persone. Sul sito è disponibile un vasto catalogo di parchi italiani. Anche di riserve naturali, però. La geolocalizzazione può rivelarsi molto utile. Infatti, essa permette di scegliere tra i parchi più vicini. Inoltre, è possibile personalizzare la propria ricerca. E ciò a seconda di come si voglia trascorrere la giornata. Facendo una semplice passeggiata, per esempio. Oppure praticando qualche sport. O, ancora, partecipando a qualche evento culturale. Infine, basterà consultare le date disponibili. E poi prenotare e comprare i biglietti. Risparmiando così tempo.

Un progetto che unisce l’utile al dilettevole

Oltre a essere necessaria e utile, Parchiaperti è anche un’iniziativa intelligente. In un anno come il 2020, c’è stato bisogno di reinvitarsi. E Federparchi l’ha fatto. Dando vita a un progetto innovativo. Si pensi solo alla geolocalizzazione. In questo modo, le persone possono scoprire piccoli paradisi naturali. I quali sono sempre stati nelle loro vicinanze. E questo punto non va sottovalutato. Non in un periodo come quello della pandemia. In questo modo, è possibile promuovere realtà locali. Per non parlare degli effetti benefici che la natura ha sull’uomo. Come ridurre lo stress. Altro fattore da tenere bene in considerazione. Soprattutto dopo un anno come il 2020. In cui, oltretutto, non è stato possibile concedersi molti viaggi. Su Touring Club si legge che Giampiero Sammuri ha affermato che: “Il 2021 sarà l’anno giusto per riscoprire i parchi“. E non resta che sperare che sia davvero così.



Commenti