Papa Giovanni IV – 640: l’ascesa in Santa Sede

0
347

Il 24 dicembre 640, Papa Giovanni IV diviene capo della Chiesa cattolica e mantiene l’incarico per due anni. Per l’approvazione imperiale al soglio papale, il pontefice deve attendere diversi mesi dopo l’elezione. Durante il ruolo in Santa Sede, la Chiesa di Roma attraversa un periodo piuttosto tranquillo.

Papa Giovanni IV chi è?

Di origine dalmata, Papa Giovanni IV è figlio del diacono Venanzio e sale al soglio pontificio il 24 dicembre 640. Ma passano più di quattro mesi per la conferma dell’elezione dell’ecclesiastico, in quanto all’epoca al governo della Chiesa romana comanda il triumvirato. Sulla vita di Papa Giovanni IV vi sono poche informazioni e nel periodo della carica, regna la tranquillità nonostante il conflitto aperto tra Bizantini e Longobardi. Mentre con il predecessore Severino, si diffonde la dottrina monotelita che causa confusione e la lotta alle eresie. Il pontefice si occupa con estrema cura delle problematiche della Dalmazia, che difende dalle invasioni continue dei popoli barbari.   

La condanna della Chiesa cattolica al Monotelismo

Con il pontefice Severino, dilaga la dottrina del Monotelismo, anche nota come “eresia di Sergio”. Nella tradizione cristiana, il significato dell’insegnamento sui valori stretti per fede, di cui appunto la dottrina di Dio. Come principio monotelita, la convinzione dell’esistenza in Dio di una sola energia e volontà, che invece la Chiesa condanna e dichiara come dottrina eretica. Nel 638, esce la promulgazione del documento imperiale di Eraclio IEkthesis”, con l’accoglimento del Monotelismo.

Da qui, anche l’appoggio di Onorio I e nel 641 Papa Giovanni IV tenta di favorire l’ortodossia, con lo scritto “Apologia pro Honorio papa”, rivolto all’imperatore Costantino III. Ma il capo bizantino viene assassinato e con il nuovo capo dei Romei Costante II, il pontefice dalmata ritenta per la diffusione dell’ortodossia e dare merito ad Onorio. In seguito, il capo bizantino assicura il Santo Padre sull’annullamento del documento dell’“Ekthesis”, con il ripristino della dottrina ortodossa in Roma, anche se il problema prosegue. Nel 642 la scomparsa del pontefice, con la sepoltura all’interno dell’antica basilica di San Pietro in Vaticano.