Paolo Minucci: il poeta e diplomatico di Ferdinando II

0
219

Paolo Minucci è un poeta, scrittore e diplomatico italiano, del 1600. Dall’amicizia con poeti ed artisti dell’epoca, il letterato collabora con Lorenzo Lippi, alla realizzazione dell’opera poetica dal titolo Malmantile racquistato. Nel 1593, il casato di famiglia Minucci ottiene il privilegio della cittadinanza fiorentina, con l’accesso ad importanti cariche pubbliche, ad assegnazione nobiliare. Tra le opere del poeta emergono anche: Novellette di Paolo Minucci e Due novelle di Paolo Minucci.

Paolo Minucci chi è?

Paolo Minucci nasce a Firenze il 10 gennaio 1626 e decede a Radda in Chianti il 16 agosto 1695. Il padre è Cosimo di Paolo, avvocato e notaio, mentre la madre è Margherita di Orazio Novelli. A fronte di ciò, la famiglia appartiene al ceto nobiliare di Volterra, con la discendenza patrizia dal XIV secolo, di Radda. Di fatto oggi, la terra di origine della famiglia Minucci risulta essere la Radda in Chianti, nella provincia di Siena.

Per la discendenza parentale, il padre decide il trasferimento della famiglia nella città di Firenze. Consegue l’acquisizione della cittadinanza fiorentina per il casato Minucci, riconoscimento esclusivo al tempo, solo per discendenze patrizie. Ecco l’ammissione a cariche pubbliche e di privilegio ad estrazioni sociali della nobiltà, per il padre ed il figlio Minucci.

Paolo Minucci: gli studi e la carriera

Dall’esempio paterno, Paolo decide di frequentare gli studi giuridici, presso l’Università di Pisa, con il conseguimento della laurea nel 1647. In seguito, Paolo perde il padre ed intraprende numerosi viaggi, dove conosce la vita mondana e molti artisti. Tra i letterati, che Minucci incontra, ci sono personaggi di cultura, scienziati, artisti ed intellettuali. Inoltre, il poeta Salvator Rosa diviene figura di spicco tra gli artisti fiorentini, in quanto crea nella propria abitazione il gruppo culturale Percossi.

Tuttavia, tra i frequentatori del gruppo artistico c’è un membro del casato granducale e cardinale Giovan Carlo de’ Medici. A ragion per cui, Minucci stringe amicizia con il nobile esponente de’Medici e nascono legami artistici con Lippi e Rosa. Con l’appoggio del parente Giovanni, Minucci riesce a trovare impiego nella Segreteria del governatore di Siena. Di fatto l’incarico di Minucci consiste nell’avvisare le sedi governative, delle reazioni politiche, per informare il principe e governatore.

Dal 1656, Minucci riceve il compito di riportare informazioni sulla Polonia, dove il principe Mattias fronteggia con difficoltà, la situazione politica in atto. Anche dall’anno precedente, il principe ha la possibilità della salita al trono polacco. In verità il candidato principe alla monarchia della Polonia prosegue nell’intenzione dell’ascesa al trono. A quasi fine anni Sessanta, giunge a Firenze lo scienziato e diplomatico Tito Livio Burattini, che riceve la guida di Minucci per decisione del principe Mattias.

In realtà, l’intento dell’aspirante tronista polacco è la vendita dei gioielli, della Corona di Polonia. In seguito, Minucci ottiene diversi incarichi di fiducia dal principe, per l’acquisizione di diverse conoscenze. A ragion per cui, l’amicizia con Burattini permette a Minucci di approfondire le conoscenze sulla Polonia, con più ruoli pubblici d’incarico del governatore.

Al servizio di Ferdinando II e le opere

Nel 1667 decede il principe Mattias e Minucci presta servizio per il successore granduca Ferdinando II. A fronte di ciò, il diplomatico fiorentino prosegue gli incarichi pubblici abituali, con più attenzione ai fatti della Polonia. Inoltre, a seconda delle dinamiche del casato granducale, Minucci comprende l’ambizione sulla salita al trono, della famiglia ducale.

Durante la carriera di informatore, Minucci da diplomatico ottiene la libertà nei contatti, dalle sedi di Venezia e Vienna. In verità, Minucci espande le proprie conoscenze politiche, nella corte polacca e col re di Polonia Giovanni Casimiro II. Tra i ruoli del diplomatico toscano, ci sono rapporti informativi con la Corona, attraverso questioni politiche ed esterne. 

In seguito, la famiglia granducale incarica Minucci di eseguire delle trascrizioni letterarie critiche di testi antichi. Consegue la nascita di opere che Minucci rivisita e riscrive nell’aspetto critico, di cui: la Cronica, la Cronica domestica, le Storie fiorentine, Note del Malmantile racquistato ed altre. Il poeta e scrittore fiorentino il 16 agosto 1695 decede a Radda in Chianti, all’età di sessantanove anni.

Commenti