Paniere Istat 2020: tra le novità ci sono discount e auto elettriche

0
332
Aggiornamento del Paniere Istat 2020.

Diverse conferme ma anche tante novità nell’aggiornamento del Paniere Istat 2020 per il calcolo dell’inflazione. Lo strumento statistico per risalire annualmente ai prezzi al consumo, rappresenta anche un importante specchio della nostra società, giacché gli aggiornamenti seguono proprio le tendenze degli italiani nel maggiore o minore ricorso a determinati prodotti. Per questo motivo, quest’anno rientreranno nell’analisi anche i trasporti privati elettrici, il cibo ordinato a domicilio o particolari trattamenti di bellezza, per non parlare di una sempre maggiore attenzione al comparto tecnologico.

Intanto è già stato diffuso il dato relativo ai prezzi di gennaio che hanno fatto registrare un +0,6% annuo (rispetto allo 0,5% di dicembre), mentre il «carrello della spesa» è balzato subito ad un +0,9%, punta massima che fa il paio con quella di marzo del 2019. Tornando con maggior precisione al Paniere Istat 2020, verranno introdotti i prezzi memorizzati alle casse tramite scannerizzazione dei codici a barre. Questo vuol dire che verrà monitorata con maggiore attenzione la Grande Distribuzione Organizzata, e per la prima volta i discount per quanto riguarda i prodotti alimentari confezionati e quelli per la cura della casa e della persona.

Anche i discount nel Paniere Istat 2020.

Tra le new-entry, oltre alla GDO (e soprattutto ai discount) bisogna evidenziare anche quelle che sono state selezionate tenendo conto delle abitudini di spesa degli italiani: dunque troviamo le auto e le moto elettriche, ma anche il monopattino elettrico. Inoltre per il calcolo dell’inflazione, nel settore della ristorazione si terrà conto del sushi take-away e di tutto il comparto facente parte delle consegne a domicilio. Andranno valutati anche i trattamenti estetici per uomini e donne, nonché il ricorso ad apparecchi acustici.

Paniere Istat 2020: tra i prodotti arrivano Lavatura-Stiratura e Smalto semipermanente

Allo scopo di rendere ancor più preciso lo studio statistico sui prezzi, l’Istat ha deciso di occuparsi da quest’anno anche di due nuovi prodotti come l’applicazione di smalto semipermanente e il servizio di lavatura e stiratura delle camicie all’interno del settore «Servizi di lavanderia-abiti». Dall’Istituto Nazionale di Statistica hanno fatto sapere che, per calcolare al meglio l’andamento dell’inflazione, non basta semplicemente inserire ogni anno dei prodotti nuovi, ma si deve anche provvedere ad una diversa distribuzione gerarchica dei vari comparti.

Servizi di lavanderia nel Paniere Istat 2020.

Dunque, l’aggiornamento del Paniere Istat 2020 prevede una crescita d’importanza per il settore dei Trasporti, mentre all’opposto perderanno qualcosina Abitazione, acqua, elettricità e combustibili. Il punto di riferimento saranno ancora alimentari e bevande analcoliche (16,21%), seguiti proprio dai Trasporti (14,96%), dai Servizi di ristorazione (11,95%) e in ultimo da Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (9,95%).

Bilancio demografico 2018 in picchiata: Istat parla di nascite in calo del 4%

L’Unione Nazionale Consumatori (UNC) ha criticato la retrocessione di quest’ultimo comparto. L’associazione ha definito «incomprensibile» il calo attribuito ad acqua, raccolta rifiuti, gas ed energia elettrica, mentre ha giustificato la perdita d’importanza dell’RC Auto in base ad una riduzione generale del premio assicurativo che si è avuta lungo il territorio nazionale negli ultimi tempi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here