Palermo – Cinque arresti a l’Ucciardone per droga e telefonini nelle celle

0
174
Napoli 26/09/2003 Detenuti del carcere di Secondigliano giurati del premio Napoli di letteratura, categoria " Narrativa straniera" . Ph. Ciro Fusco

Coinvolto anche un agente della polizia penitenziaria.

Dentro il carcere Ucciardone di Palermo entravano droga e mini telefonini. Il nucleo della polizia penitenziaria ha eseguito due ordinanze di custodia cautelare e arrestato cinque persone, tra cui un agente, accusate di corruzione e commercio illecito di sostanze stupefacenti.

L’operazione “Mobile phones in cell” è stato coordinata dalla Procura. Il gip di Palermo ha firmato i provvedimenti di custodia cautelare in carcere nei confronti dell’agente di polizia penitenziaria Giuseppe Scafidi, del detenuto Fabrizio Tre Re, della moglie Teresa Altieri, di Rosario Di Fiore e James Burgio indicati i “fornitori.

Giuseppe Scafidi, Fabrizio Tre Re, Teresa Altieri e Rosario Di Fiore devono rispondere di corruzione; Tre Re e Burgio sono indagati anche per commercio illecito di sostanze stupefacenti.

Commenti