Pakistan: militari salvano 5 operatori telefonici rapiti vicino al confine afghano

0
283
In Pakistan si protesta

L’esercito del Pakistan è intervenuto a favore di cinque operatori telefonici, rapiti il mese scorso da alcuni militanti islamici. Secondo Reuters, il salvataggio è avvenuto nel caldo confine con l’Afghanistan, in questo momento in fermento per la questione talebana e per il possesso del valico di Spin Boldak. I militari pakistani erano già impegnati in operazioni al confine nord-ovest con l’Afghanistan. Due di loro sono stati uccisi a cuasa delle violenze incorse negli ultimi giorni.

Pakistan-Afghanistan: perchè sono stati rapiti gli operatori telefonici?

Gli operatori telefonici stavano operando in un territorio pakistano vicino al confine afghano. Stavano istallando una torre telefonica nel distretto tribale di etnia pashtun Kurram lo scorso 26 giugno. Sedici di quei lavoratori sono stati rapiti, ma nessun gruppo ha mai emanato un comunicato di risarcimento. Anzi, dieci lavoratori sono stati immediatamente liberati, ma un uomo è stato successivamente decapitato dai militanti islamici. Come riporta sempre Reuters, i militari hanno lanciato una serie di operazioni di intelligence in un terreno “altamente inospitale in condizioni meteorologiche estreme“.

Il salvataggio degli operatori telefonici è avvenuto giovedì, ma al momento nessun apparato governativo ha elencato i motivi del rapimento.


Pace in Afghanistan: il Pakistan, l’NSA e le frecciatine all’India

Pakistan, scontro tra treni a Daharki: almeno 40 morti

TikTok: revocato “temporaneamente” il divieto in Pakistan