Ozono: possibile terapia per sconfiggere il Covid-19?

0
9991
Covid 19

Nei laboratori di Wuhan alcuni ricercatori hanno dimostrato come l’ozono possa efficacemente combattere virus simili al nuovo Coronavirus.

Le notizie sull’aumento del numero di contagi da Covid-19 si susseguono ininterrottamente da giorni.  Bill Gates, uno degli uomini più ricchi del pianeta, in prima linea nella lotta alla povertà e alle malattie nel mondo, elegge il nuovo Corona Virus a potenziale agente patogeno del secolo.

E’ presto per un vaccino, nonostante la corsa dei ricercatori sia iniziata sin dai primi contagi. Prima di una cura certificata ed efficace per questo virus ci vorranno mesi. Per questo motivo alle misure di prevenzione per evitare il diffondersi ulteriore della malattia e ai farmaci antivirali per curarla si stanno aggiungendo rimendi alternativi o complementari alla medicina tradizionale. Buone notizie sul fronte delle terapie supplementari alla terapia farmacologica sembrano provenire dal trattamento con ossigeno ozono.

Accanto alla conoscenza centenaria sui benefici per l’uomo dell’ozono terapia, alcuni recenti studi effettuati nei laboratori del National Biosafety Laboratory di Wuhan – centro di eccellenza cinese per lo studio e la sperimentazione di infezioni su animali di piccole dimensioni per Coronavirus TBEV, CHIKV, MERS – rivelano interessanti risultati su come l’ozono possa sconfiggere il virus SARS. In particolare, l’ozono è efficace nell’uccidere il virus SARS inoculato su cellule renali di scimmia verde. Il tasso di successo è pari al 99,22%. Il nuovo virus sviluppatosi a Wuhan e il virus SARS appartengono entrambi al Coronavirus. I ricercatori hanno inoltre scoperto che il nuovo Coronavirus è simile per l’80% al virus SARS nelle sequenza dei rispettivi genomi. È ragionevole quindi ipotizzare che l’ozono è ugualmente efficace nella prevenzione e nel controllo del nuovo Coronavirus.

Accanto a questi studi coordinati dal Prof. Li Zelin direttore del laboratorio P3, ci sono ulteriori teorie presenti in una ricerca condotta, in Giappone, dal Prof.  Zhang Yue, che a differenza del primo, giungono alla stessa conclusione che l’ozono possa essere una soluzione potentissima per sconfiggere virus e batteri, partendo però dal principio che da sempre l’ozono ha equilibrato e inibito la crescita eccessiva e la riproduzione dei microbi sulla terra.

In Italia, dal 1983 opera su buona parte del territorio nazionale la Società Scientifica di Ossigeno Ozono Terapia (SIOOT), un’associazione a carattere scientifico che si propone di promuovere ricerche e studi per lo sviluppo e l’applicazione dell’ossigeno ozono terapia. Attraverso centri di eccellenza riconosciuti dall’associazione vengono trattate, con successo, molte patologie che di solito vengono trattate unicamente con la medicina tradizionale.

L’ozono è un gas che, in natura, si forma nell’atmosfera grazie a scariche elettriche che modificano la stabile struttura molecolare dell’ossigeno (O2), trasformandolo in O3. Proprio dall’instabilità di questo gas derivano le sue proprietà benefiche. Come sostiene il Prof.  Zhang Yue sulla Terra infatti niente distrugge batteri e virus meglio dell’ozono. Può essere usato inoltre per eliminare, funghi, muffe, pesticidi, metalli pesanti, nitrati, nitriti e altre sostanze potenzialmente dannose. Grazie alla sua capacità di ossidazione, uccide i batteri attaccando la struttura molecolare delle loro membrane protettive e alterandone gli enzimi interni. Modificando la composizione molecolare di muffe, funghi e alghe, riesce ad annientarli. L’ozono è inoltre in grado di penetrare nelle strutture interne dei virus, danneggiando gli acidi nucleici virali e impedendo così la loro replicazione.

Non esiste quindi batterio, virus o fungo che possa resistere a una corretta dose di ozono, somministrata nei tempi giusti. Inoltre, normalizza e riequilibra il sistema immunitario, intervenendo contro le immunodeficienze e contro le risposte in eccesso come, per esempio, nel caso delle allergie. Senza dimenticare le sue proprietà antidolorifiche e antinfiammatorie, e la capacità di migliorare il metabolismo cellulare. Nelle zone del corpo dove viene somministrato, l’ozono migliora la circolazione sanguigna, soprattutto il microcircolo dei capillari, scioglie i grassi corporei e agisce contro i muscoli tesi e contratti (n.d.r. fonte SIOOT).

Abbiamo chiesto al Prof. Gerardo Olbi, Direttore del Centro Clinico Primario di Ossigeno Ozono Terapia di Mestre (VE) quali possano essere le possibili implicazioni di queste recenti scoperte e per quale motivo l’ozono possa essere un valido complemento alla medicina tradizionale per la prevenzione e cura del nuovo Coronavirus.

Prof Gerardo Olbi
Prof. Gerardo Olbi

Prof. Olbi, da circa due settimane in Italia non si parla altro che di nuovo Coronavirus. Un agente patogeno non del tutto sconosciuto, anche in relazione alla SARS, ma che fa molta paura proprio per la rapidità di contagio. Come specialista in igiene e medicina preventiva e come direttore di un centro di eccellenza per l’ossigeno e ozono terapia, cosa può dirci sui benefici dell’ozono per combattere il Covid-19?

La terapia con ossigeno ozono ha un’azione virustatica nel momento in cui il virus è presente all’interno dell’organismo umano, fermando così la replicazione del virus. Tuttavia quello che vorrei sottolineare è l’importanza che riveste la terapia con ossigeno ozono anche nella prevenzione delle virosi e nella fase post guarigione. Infatti, sarebbe importante che la proprietà virustatica fosse sfruttata soprattutto in fase preventiva e non solo a contagio avvenuto. In fase post acuta invece, l’azione dell’ozono è fondamentale per ristabilire e quindi rinforzare il livello immunitario del paziente.

Ci sembra di capire quindi che l’utilizzo dell’ozono è particolarmente indicato per potenziare l’effetto dei farmaci antivirali o antibatterici, è così?

L’ossigeno-ozono terapia è un potente rimedio alla crescente resistenza dei batteri agli antibiotici. Un problema che si verifica sempre più frequentemente a causa dell’uso indiscriminato di farmaci che stimolano nei batteri la capacità di resistere alla loro azione. L’ozono si è dimostrato efficace nel trattamento di quei ceppi batterici contro cui si dimostrano inefficaci anche gli antibiotici più potenti in circolazione.

Quali sono le controindicazioni all’utilizzo dell’ossigeno ozono?

Se le terapie vengono effettuate nei centri specializzati e seguendo i protocolli non ci sono controindicazioni. La validità dei metodi di somministrazione dell’ozono e dell’ossigeno ozono terapia, come strumento di cura di numerose patologie è confermata da una bibliografia di oltre 1800 lavori pubblicati dal 1995 a oggi. Uno strumento di cura così potente, potrebbe avere maggiore diffusione e essere uno strumento utile a contrastare situazioni come quella attuale se fosse regolamento e sovvenzionato dal Servizio Sanitario Nazionale.