Roma – Agguato nella notte al quartiere di Nuova Ostia: ferito un 38enne vivo per miracolo

0
165

Un uomo di 38 anni è stato ferito questa notte da un colpo d’arma da fuoco che gli si è conficcato nel petto. Salvo per miracolo è stato operato d’urgenza. Indaga il nucleo investigativo dei carabinieri: la paura è che l’episodio possa riaprire la faida tra gruppi criminali per il controllo del territorio di Ostia Nuova.

Un 38enne è arrivato questa notte all’ospedale Grassi di Ostia gravemente ferito, con un proiettile conficcato nel petto. L’uomo, un pregiudicato già noto alle forze dell’ordine, è ricoverato in gravi condizioni ed è stato operato d’urgenza e ora non sarebbe più in pericolo di vita, anche se dovrà tornare in sala operatoria forse già oggi per un ulteriore intervento.

La sparatoria nel feudo dei clan

Da quanto si apprende il proiettile di piccolo calibro sarebbe stato fortunatamente fermato dal costato conficcandosi in osso. L’uomo ha riferito di essere stato ferito in piazza Calipso, adiacente al quartiere di Nuova Ostia, territorio dove i clan del litorale la fanno da padrone e dove dopo i colpi durissimi inferti ai clan Spada e Fasciani con arresti e condanne si stanno ridisegnando le geografie criminali del litorale, con fatti di sangue che si sono susseguiti negli ultimi due anni.

L’ombra del regolamento dei conti per il controllo del territorio

Sulla dinamica di quanto accaduto indagano i carabinieri del Nucleo investigativo dei carabinieri, che hanno eseguito i rilievi sul luogo della sparatoria. Secondo quanto riferito dal 38enne a premere il grilletto sarebbero stati due sconosciuti a bordo di uno scooter. L’episodio si configura dunque come un vero e proprio agguato, e potrebbe segnalare una ripresa della conflittualità tra gruppi criminali per il controllo del territorio: per questo i militari stanno passando attentamente al vaglio le dichiarazioni della vittima che sostiene di non conoscere il movente né i suoi aggressori. Quel che certo è che a Ostia si è tornato a sparare, e non è una buona notizia.

Commenti