Oriana Fallaci: nasceva oggi la giornalista e inviata speciale

0
374

Quello di Oriana Fallaci è uno dei grandi nomi del giornalismo italiano. La scrittrice e  giornalista nacque il 29 giugno 1929.

Tra le donne giornaliste del nostro paese lei è stata la prima a ricoprire il ruolo di inviata speciale.

Gli esordi giornalistici

I suoi studi furono solo in un secondo momento letterari ma non vennero mai conclusi. Tra le prime collaborazioni giornalistiche di Oriana Fallaci ricordiamo il Mattino dell’Italia centrale, Epoca di Mondadori, L’Europeo.

I primi successi come scrittrice

Oriana Fallaci

La Fallaci scrisse dodici libri nel corso della sua carriera. Particolarmente importante fu l’interesse per la condizione femminile in Paesi lontani dalla nostra realtà, come quelli orientali. Gli studi e le ricerche portarono alla stesura di due importanti libri: Il sesso inutile che riprende il genere libro-inchiesta e Penelope alla guerra che si pone il non semplice o scontato obiettivo di analizzare e di provare a descrivere le emozioni, i sentimenti, le  passioni e i turbamenti di una giovane donna che lascia l’Italia per andare in America.

Oriana Fallaci: l’inviata speciale

Nel 1967 venne inviata in Vietnam per conto dell’Europeo. Da questa esperienza nasce il libro Niente e così sia del 1969. Si tratta questa volta di un libro-diario che documenta non solo le esperienze dell’autrice ma anche quelle di molti soldati, sopravvissuti e anche attentatori (come l’intervista a Nguyen Van Sam). Il testo diventa una cruenta quanto veritiera testimonianza di una guerra inutile in cui i soldati combatterono senza sapere il perché.

Una vita da attivista

Oriana Fallaci è sempre stata attenta e scrupolosa nel raccontare ciò che accadeva: partecipò alle indagini sulla morte di Pier Paolo Pasolini, ipotizzando le prime teorie su un probabile movente politico e fu tra le prime giornaliste italiane a raccontare dell’11 settembre. In seguito a questa tragica data la Fallaci denuncerà sia il fallimento della società occidentale sia il fondamentalismo islamico.

Nonostante il suo trasferimento negli Stati Uniti, Oriana Fallaci morì a Firenze nel 2006 in seguito ad un cancro ai polmoni. Fu una voce fuori dal coro, una potenza femminile e una giornalista fiera, noi oggi la ricordiamo grazie alle sue idee che hanno spesso creato polemiche, controversie e riflessioni sia positive che negative.  

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here