Orban spera che il prossimo governo italiano aiuti la Russia

0
284
Orban spera che il prossimo governo italiano aiuti la Russia

Il premier ungherese Viktor Orban spera che il prossimo governo italiano aiuti la Russia. Orban ha anche predetto che rimarrà al potere almeno fino al 2060.

Orban spera in un aiuto dal prossimo governo italiano

Nei giorni scorsi, il Parlamento europeo ha dichiarato che l’Ungheria non è più una “democrazia completa”. Ha quindi definito Budapest “una minaccia sistemica per i valori fondamentali dell’UE in virtù di quel regime ibrido di autocrazia elettorale costituto dal premier Viktor Orban”. A votare contro il documento che condanna l’Ungheria sono stati Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni e la Lega di Matteo Salvini. Meloni ha giustificato il suo voto affermando che Orban ha vinto le elezioni e l’Ungheria è un sistema democratico in cui esiste lo strumento del voto. Meloni ha anche detto che il suo gruppo non ha votato a favore del documento perché “allontanare l’Ungheria dall’Europa potrebbe aiutare la Russia”. Ora, secondo un reportage de La Stampa, Orban ha affermato di sperare che il prossimo governo italiano aiuti a togliere le sanzioni alla Russia. Quindi, la giustificazione della Meloni sul suo voto contrario non sarebbe fondato, in quanto Orban appare come già molto vicino alla Russia di Putin.

La Stampa scrive di aver incontrato Orban al meeting del partito Fidesz, tenutosi a Kotcse il 10 settembre. Secondo il quotidiano torinese, Orban ha affermato che “in autunno dovremo ridiscutere il rinnovo delle sanzioni alla Russia e noi vogliamo bloccare la proroga. Al momento siamo abbastanza isolati, ma spero nel sostegno del governo italiano che uscirà alle prossime elezioni”. Orban avrebbe anche fatto delle previsioni. Secondo il primo ministro ungherese, entro il 2030 l’Eurozona crollerà, la guerra in Ucraina durerà otto anni ed entro il 2040 le città francesi saranno a prevalenza musulmana. Orban ha poi predetto che rimarrà al potere almeno fino al 2060.


Leggi anche: L’Ungheria non è più una “democrazia completa”