Operazione “Atto finale”: Arresti per usura e estorsioni di diverse provincie

0
178
Operazione “Atto finale”

Operazione “Atto finale”: Arrestate 15 persone per usura e estorsioni di diverse provincie italiane operazione congiunta di Polizia, Carabinieri e GdF

Nelle prime ore del mattino di stamane, nelle province di Brescia, Milano, Reggio Calabria, Cremona e Ascoli Piceno, la Polizia di Stato, l’Arma dei carabinieri e la Guardia di Finanza di Brescia, coordinati dalla Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia di Brescia, nell’ambito dell’operazione “Atto finale”, hanno dato esecuzione a 15 misure cautelari personali nei confronti di soggetti contigui ed inseriti in contesti di criminalità organizzata di stampo mafioso (‘ndrangheta) e gravemente indiziati, a vario titolo, di usura ed estorsione commessi con metodo mafioso.

‘Ndrangheta a Brescia: 5 arresti e 27 perquisizioni progettavano un omicidio

Femminicidio nel bresciano: strangola la moglie e si toglie la vita impiccandosi

L’attività degli investigatori – diretta dal Sost. Procuratore della Repubblica Roberta Panico della Direzione Distrettuale Antimafia di Brescia, unitamente ai Sost. Proc. Erica Battaglia e Sost. Proc. Carlotta Bernardini – ha permesso di documentare, nonostante il periodo di lockdown, condotte intimidatorie ed estorsive, accordi e pagamenti usurari, accompagnati da pressioni e pretese economiche in danno di imprenditori, accordi per la spartizione degli illeciti guadagni, richieste di protezione criminale e gravi situazioni di esposizione a rischio per l’incolumità individuale.