Oggi, forse, l’epilogo del romanzo Brexit

0
368

Boris Johnson presenterà il suo accordo sulla Brexit al Parlamento per accettarlo o respingerlo oggi, sapendo che il suo futuro politico e quello del paese che guida sono in linea con il voto al limite.


I 650 membri del parlamento del Regno Unito si riuniranno a Westminster solo per il quarto sabato seduto dalla seconda guerra mondiale per decidere se approvare l’accordo sulla Brexit che Johnson ha siglato giovedì con l’Unione europea.
Se il primo ministro britannico vincerà il voto critico, il paese sarà sulla buona strada per lasciare l’UE alla fine del mese in una disgregazione ordinata. Un periodo di transizione status quo che durerà fino alla fine del 2020 darà alle imprese e ai cittadini il tempo di pianificare una vita al di fuori dell’UE.


Ma se Johnson perde, il Regno Unito sarà scagliato in una crisi politica e costituzionale senza precedenti, con un impatto potenzialmente grave sul commercio, colpendo le forniture di cibo e carburante e scatenando il disordine civile.
Johnson ha promesso che cercherà di costringere il Regno Unito fuori dall’UE il 31 ottobre, anche se i parlamentari respingono il suo accordo di divorzio, senza un accordo per attenuare l’impatto sull’economia e sulla società.

Voti del Parlamento sull’accordo sulla Brexit di Boris Johnson

I suoi oppositori in Parlamento mirano a fermarlo usando una nuova legge in base alla quale è tenuto a scrivere all’UE entro la fine della giornata di oggi cercando di ottenere una proroga della scadenza della Brexit, se non ha vinto il sostegno dei parlamentari per il suo affare, o per una divisione senza accordo.

Johnson afferma che continuerà a lottare per uscire dall’UE in tempo, qualunque sia il costo. Lo scontro potrebbe concludersi con sfide legali contro il governo in pochi giorni, potenzialmente concludendosi alla Corte Suprema del Regno Unito.
Un vertice di emergenza dell’undicesima ora a Bruxelles, un’elezione generale, un altro tentativo di votare in Parlamento e persino un altro referendum potrebbero seguire.
Senza una maggioranza nei Comuni, e dopo aver alienato i suoi alleati dell’Irlanda del Nord, che sostengono il suo governo, Johnson deve affrontare una lotta per assicurarsi i voti di cui ha bisogno per prevalere.

“Lunga, faticosa”

Ha trascorso venerdì cercando di convincere i parlamentari scettici nel suo stesso partito, nonché i politici laburisti dell’opposizione che rappresentano i distretti pro-Brexit. Il risultato sembra essere troppo vicino per essere chiamato e il team di Johnson crede che stiano facendo progressi, secondo un funzionario che ha chiesto di non essere nominato.

“Immagina come potrebbe essere domani sera, se abbiamo risolto questo problema e abbiamo rispettato la volontà della gente, perché avremo la possibilità di andare avanti”, ha detto Johnson in un’intervista alla BBC TV venerdì. ” Questo è stato un business lungo, estenuante e piuttosto divisivo.”
Johnson ha ricevuto una spinta dall’UE quando il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato che anche se il Parlamento respingesse l’accordo, non ci sarebbero ulteriori ritardi al giorno della Brexit oltre l’attuale scadenza del 31 ottobre.
Ciò ha contribuito alla pressione esercitata sui parlamentari che preferirebbero un’altra proroga alla scadenza per lasciare l’UE senza un accordo.


In altri sviluppi:

Gli oppositori della minaccia di Johnson di perseguire una Brexit senza scopo di lucro si sono mossi per rafforzare le loro opzioni.
L’ex ministro del gabinetto di Tory Oliver Letwin sta proponendo un emendamento alla mozione per approvare l’accordo di uscita di Johnson che, secondo lui, fungerà da polizza assicurativa per assicurarsi che il Regno Unito non possa cadere accidentalmente fuori dall’UE senza accordo il 31 ottobre.
L’emendamento di Letwin, che può essere votato prima che l’accordo di Johnson abbia la possibilità di essere presentato ai parlamentari per l’approvazione, negherebbe l’approvazione del Parlamento per l’accordo di uscita fino a quando non verrà messa in atto una nuova legge per l’attuazione della Brexit.
Un gruppo di parlamentari laburisti ha presentato un emendamento alla mozione di Johnson che darebbe il sostegno del Parlamento a un referendum su qualsiasi accordo concordato con l’UE.
Johnson ha cercato di convincere i parlamentari laburisti con la promessa di assumere impegni che garantiscano una maggiore protezione dei diritti dei lavoratori e delle norme ambientali nel diritto interno mentre il Regno Unito lascia l’UE.
Un nuovo impegno separato da Downing Street aumenterebbe il controllo parlamentare dei negoziati sul futuro accordo commerciale di partenariato tra Regno Unito e UE.

Commenti