Nuovo social Parler pericoloso per i minori

Il gruppo di difesa dei genitori avverte che la decisione di Parler di non moderare i contenuti è pericoloso per i minori

0
274
Nuovo social Parler

Il gruppo di difesa Parents Together Action ha emesso un avviso pubblico sull’app di social media Parler. Il gruppo sostiene che il nuovo social Parler sia pericoloso per i minori a causa della sua politica di non moderare i contenuti. Il social è diventato un’alternativa di Twitter soprattutto per gli estremisti di destra.

Nuovo social Parler è pericoloso per i minori?

Parler, il nuovo social network tanto amato dalla destra trumpiana, sta ormai spopolando dopo le elezioni presidenziali americane. Molti sostenitori di Trump e conservatori, accusano Twitter di censurare le loro opinioni così hanno deciso di iscriversi a Parler.  Il nuovo social infatti si è presentato come il paladino della liberà di espressione e ha promesso di non limitare i contenuti sulla sua piattaforma. Così su Parler si possono trovare tutte le opinioni più strampalate, dalle teorie di complotto all’istigazione all’odio. Gli esperti affermano che Parler diventerà il far west virtuale dove ognuno può dire la sua sulle elezioni americane, Covid e temi di attualità.  

Ora, il gruppo di difesa Parents Together Action ha emesso un avviso pubblico sull’app di social media alternativa Parler. Sostiene che sia pericolosa per i minori a causa della sua politica di non moderare i contenuti. Il gruppo ha affermato: “I genitori dovrebbero sapere che a causa della pericolosa combinazione di Parler tra una base di utenti estremisti e una moderazione dei contenuti quasi inesistente, l’incitamento all’odio, l’incitamento alla violenza e la disinformazione sui risultati delle elezioni sono pervasivi sulla piattaforma”.

Parents Together: controllate i vostri figli

L’organizzazione ha esortato i genitori a controllare i dispositivi dei loro figli per assicurarsi che non abbiano installato Parler, notando il suo aumento di popolarità dal giorno delle elezioni. In tal caso, il gruppo consiglia di eliminare l’account del figlio e l’app.  Parents Together Action ha inoltre sottolineato che Parler non richiede agli utenti di condividere la loro età o data di nascita durante la registrazione. 

Oltre alla diffusione della disinformazione, Parents Together Action ha citato post che invocano esplicitamente violenza politica mirata e guerra civile in risposta alla sconfitta di Trump, così come quelli pieni di incitamento all’odio. 

Justin Ruben, il co-fondatore di Parents Together ha dichiarato: “È fondamentale che i genitori siano consapevoli della violenza, del razzismo e dell’estremismo che esiste su questa piattaforma. Nessun bambino dovrebbe essere su Parler”.


Parler – il nuovo social dei conservatori americani

Commenti