Nubifragi e alluvioni lampo: previsioni da paura tra la Calabria e la Sicilia

0
281
Nubifragi e alluvioni lampo

NUBIFRAGI e prime ALLUVIONI LAMPO. Previsioni di PIOGGIA da paura. Italia del Sud nel mirino del maltempo, situazione critica fra la Calabria e la Sicilia. Attese ancora grandi precipitazioni.

Il maltempo è entrato prepotentemente nel vivo come nelle attese nel corso della domenica, quando il meteo è peggiorato in modo severo sulla Sicilia. Nubifragi e alluvioni lampo Una serie di violenti sistemi temporaleschi autorigeneranti, indotti dall’approfondimento del ciclone mediterraneo, si sono abbattuti con ferocia sull’Isola.

Gran parte della Sicilia è in allarme o allerta rossa, tanto che in diversi comuni le scuole per precauzione sono chiuse soprattutto nelle province orientali, comprese le città capoluogo da Catania a Messina fino a Siracusa ed Enna. Chiusi anche gli hub vaccinali sul catanese

Le precipitazioni più abbondanti si sono abbattute sull’area fra il catanese e l’alto siracusano, con picchi fino a oltre 300 mm di pioggia. La zona di Scordia, nella Piana di Catania, è stata investita nella sera di domenica da fiumi di acqua e di fango, una vera e propria alluvione lampo capace di trascinare diverse auto.

Diverse altre località sono state alluvionate, fra cui anche l’abitato di Lentini. Le strade si sono trasformate in fiumi, a causa di diversi corsi d’acqua e torrenti straripati. La forza dell’acqua ha anche fatto crollare parzialmente il ponte di San Giuliano, sul fiume dell’Alcantara fra le province di Catania e Messina.

Previsioni meteo allarme massimo prossime ore

Dalla scorsa notte i primi forti temporali hanno iniziato a colpire anche la Calabria, dove la situazione non è migliore, a partire dai settori meridionali ionici, per poi risalire verso l’area del catanzarese, del crotonese e del crotonese. Le maggiori precipitazioni investono i versanti orientali interni, a ridosso dei rilievi.

Piogge significative hanno colpito anche la Sardegna orientale, ma con picchi pluviometrici attorno ai 50-60 mm che non hanno creato particolari disagi. I venti intensi di levante e lo scirocco burrascoso al largo hanno causato mareggiate importanti lungo la costa ionica della Sicilia.

Ora il grosso del maltempo tende a localizzarsi in Calabria, dove sono attese precipitazioni che potrebbero andare ben oltre i picchi già misurati in Sicilia. Le forti precipitazioni tendono a risalire anche sulla Basilicata ionica ed in parte sul Salento.

In questo quadro di meteo così compromesso al Sud, spicca invece la situazione di generale stabilità al Centro-Nord. Nel corso delle prossime ore un peggioramento parziale si avrà sulle regioni centrali, con l’arrivo di qualche pioggia fra sera e notte su Abruzzo, Molise e Lazio.

Fonte: Meteo Giornale