martedì, Luglio 23, 2024

Novità societarie in Italia, tra rinnovi e cambi di guardia: uno spot per il calcio

E’ un gioco, in definitiva, e chi è più bravo vince. Ultimamente capita molto spesso ad Agnelli, Marotta e Paratici, abilissimi nella gestione degli uomini, dentro e fuori dal campo, con operazioni di mercato sempre intelligenti, oculate e ben indirizzate propedeuticamente al miglioramento dell’organico.

La Juventus “fa le cose per bene” direbbe chi ha coniato la pubblicità di una nota marca di formaggi e lo dimostra con il rinnovo del contratto del suo calciatore più importante; colui che riesce a scardinare gli equilibri difensivi degli avversari, con una tecnica sopraffina e l’immenso talento nell’interpretazione della fase offensiva, caratterizzata da movimenti tra le linee, che consentono inserimenti senza palla, fatali per chi ci gioca contro.

Tuttavia, altri club faticano, a causa di una direzione societaria assai discutibile, a definire quegli interventi chiarificatori rispetto agli obiettivi che pianificano durante ogni stagione.

Come il Napoli, ad esempio, quasi sempre impallato da contratti complessi, subordinati a clausole del tutto incompatibili con gli interessi dei calciatori, generalmente scollegati dalle linee politiche e regolamenti interni imposti, più attenti, viceversa, a discorsi squisitamente economici e di programmazione degli obiettivi.

Succede, dunque, che giocatori come Mertens ed Insigne, fondamentali per il gioco di Sarri, stiano ancora tergiversando con Giuntoli e De Laurentis (tra l’altro autore di un fatto increscioso avvenuto durante la partita con la Juve, quando è sceso negli spogliatoi per parlare con lo scugnizzo di Frattamaggiore proprio del rinnovo, come se non abbia procuratori preposti per farlo), senza sciogliere quelle riserve scontate, pur avendo, già da tempo, sposato la causa del Napoli e della città, ricevendo in cambio, invece, troppe perdite di tempo legate ai problemi sui diritti d’immagine o ad altre formule di accordo più variegate in relazione alle scelte.

Qualcun’altro, che promuove finanziamenti bancari e non solo, direbbe a proposito, “le mani più sicure dopo le vostre” e, per questo, assistiamo oltre a rinnovi tardivi, a cambi societari che sembrano poter far ripartire ambienti storici per il calcio italiano, come Milan, Palermo e Genoa, impegnate seriamente in un radicale passaggio di consegne necessario a ritrovare partecipazione, credibilità e saggia gestione delle risorse.

Le maestranze a livello dirigenziale non mancano perché, nel nostro campionato, sono molti i personaggi che si sono messi in evidenza a capo di strutture più o meno importanti, raccogliendo in linea di massima buoni risultati dal proprio lavoro.

Le premesse per favorire un immediato cambio di marcia ci sono e probabilmente si noteranno già dall’inizio della prossima stagione della Serie A, salvo colpi di scena che facciano retrocedere siciliani e genoani, ora, fortunatamente, ancora in lotta per rimanere nella massima serie.

All’Inter, infine, ci hanno già pensato la scorsa estate a completare la rivoluzione cinese più importante mai vista nel nostro torneo, ma nonostante gli investimenti compiuti, non si sono intravisti quei significativi segnali di beneficio in termini di risultati.

D’altro canto, è solo l’inizio e come suggerirebbe una catena di produzione alimentare, in Corso Vittorio Emanuele ci sono “persone, oltre alle cose”; per questo bisogna avere fiducia nella nuova compagine societaria.

Come ha fatto la Juventus agli inizi dell’avventura di Andrea Agnelli, che si presentò in conferenza stampa, illustrando come avrebbe inteso riportare la squadra a meritarsi nuovamente lo status della vecchia signora.

Il calcio è uno sport, ma soprattutto è lo spot di se stessi, e il maggior produttore di macchine italiane è stato tenace e capace nell’impresa di rispettare la tradizione dei suoi nobili predecessori, come farebbe colui che molti anni fa ci assoradava continuamente in televisione, ripetendo: “così si fa, così si sta tranquilli”…

 

 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles