Nove alleati sostengono il percorso dell’Ucraina verso l’adesione NATO

0
282
NATO: al via esercitazione nucleare top secret

Domenica 2 ottobre nove Stati membri della NATO dell’Europa centrale e orientale hanno dichiarato di sostenere il percorso di adesione alla NATO dell’Ucraina, dopo la sua richiesta di venerdì.

Quali sono gli alleati favorevoli all’adesione NATO?

In una dichiarazione congiunta, i presidenti di Polonia, Romania, Slovacchia, Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Lituania, Montenegro e Macedonia del Nord hanno affermato di “sostenere fermamente” la decisione della NATO presa al vertice di Bucarest del 2008 sulle prospettive di adesione dell’Ucraina all’Alleanza. All’epoca, gli alleati della NATO si erano impegnati a far sì che l’Ucraina e la Georgia diventassero membri dell’Alleanza, senza però stabilire un calendario preciso per l’adesione. Il processo si è arenato nel corso degli anni e, dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014, sembrava sempre più improbabile che la candidatura diventasse realtà. Nella loro dichiarazione congiunta, i nove leader della NATO hanno anche affermato che non riconosceranno mai l’annessione illegale delle quattro regioni ucraine da parte della Russia. “La Russia [dovrebbe] ritirarsi immediatamente da tutti i territori occupati“, si legge nella dichiarazione, aggiungendo che “tutti gli alleati aumentano sostanzialmente i loro aiuti militari all’Ucraina”. “Ribadiamo il nostro sostegno alla sovranità e all’integrità territoriale dell’Ucraina“, hanno scritto. Tra i firmatari mancavano Ungheria e Bulgaria.

L’evoluzione della situazione

La dimostrazione di sostegno dei nove membri della NATO arriva due giorni dopo che il Presidente russo Vladimir Putin, venerdì (30 settembre), ha dichiarato di voler annettere quattro regioni ucraine, una mossa che rappresenta il più grande accaparramento di terra in Europa dal secondo dopoguerra ed è stata denunciata dalla comunità internazionale. Solo poche ore dopo l’annuncio, l’Ucraina ha dichiarato di aver presentato formale richiesta di adesione rapida alla NATO, con la speranza di accelerare la propria candidatura.

La posizione della NATO

Il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, parlando con i giornalisti venerdì, ha evitato di appoggiare la candidatura dell’Ucraina, ribadendo la politica delle porte aperte dell’alleanza. “Ogni democrazia in Europa ha il diritto di chiedere l’adesione alla NATO, e gli alleati della NATO rispettano questo diritto, e abbiamo dichiarato più volte che la porta della NATO rimane aperta”, ha detto Stoltenberg. Ha aggiunto che i membri della NATO hanno recentemente affermato, in occasione di un vertice a Madrid, di “sostenere il diritto dell’Ucraina di scegliere il proprio percorso, di decidere il tipo di accordi di sicurezza di cui vuole far parte”. Tuttavia, è improbabile che il processo formale possa essere avviato in tempi brevi, poiché i membri della NATO hanno finora esitato a prendere in considerazione l’Ucraina per l’adesione. Allo stesso tempo, il trattato della NATO include disposizioni che limitano l’accettazione di un candidato in guerra o con territori contesi. L’adesione all’Alleanza richiede il sostegno unanime di tutti i suoi 30 membri e non è prevista una procedura rapida.

Le nuove richieste di adesione NATO

Negli ultimi mesi, la NATO ha accolto la candidatura di due nuovi membri europei, Finlandia e Svezia, alimentata dalle preoccupazioni per la sicurezza dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Domenica Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, ha twittato che 10 Paesi della NATO sostenevano l’adesione dell’Ucraina all’alleanza militare occidentale, senza nominarli. “Entro 48 ore dalla firma della richiesta di adesione alla NATO da parte del Presidente Zelenskyy, dieci Paesi del blocco hanno sostenuto l’adesione dell’Ucraina all’Alleanza – per lo più Paesi che ricordano i velenosi artigli dell’impero [russo]”, ha dichiarato Podolyak. “Siamo grati per la leadership e la responsabilità. Oggi si fa la storia“, ha aggiunto.

La questione sarà probabilmente discussa quando i ministri della Difesa della NATO si riuniranno a metà ottobre per un incontro regolare a Bruxelles, che dovrebbe affrontare la continua escalation della Russia e concordare un ulteriore sostegno militare all’Ucraina.