Oggi si festeggia la notte dei Musei in Europa, e per l’occasione diverse sale espositive saranno aperte oltre l’orario ufficiale e il costo del biglietto sarà di 1€. A Milano la Pinacoteca di Brera sarà aperta oltre l’orario normale.

La Pinacoteca di Brera

L’apertura straordinaria è prevista nell’orario: 10.00-13.00 e 18.00-22.15 (la biglietteria chiude alle 21.40). Alla Pinacoteca di Brera si possono ammirare opere di pittura di maestri stranieri e italiani, specie lombardi e veneti.

La Pinacoteca di Brera è stata istituita ufficialmente nel 1809 a fianco dell’Accademia di Belle Arti per volontà di Maria Teresa d’Austria. Le opere ivi facenti parte dovevano servire agli studenti per la loro formazione.

Quando Milano fu sotto il dominio dei francesi, Napoleone volle mandarci i dipinti più importanti delle sue conquiste. Per cui, l’origine della collezione della Pinacoteca fu il frutto della volontà di autorità facenti capo a degli Stati, non a collezioni private come la maggior parte delle pinacoteche.

Invece, la prevalenza di dipinti di origine religiosa di gran proporzione è dovuta alla confluenza di diversi quadri dopo la soppressione di alcuni ordini religiosi.

Puoi leggere anche LA PIOGGIA NEL MUSEO: OVVERO LA FRAGILITA’ DELL’ARTE

Cortile della Pinacoteca di Brera
Cortile della Pinacoteca di Brera

Il patrimonio artistico

Lo Sposalizio della Vergine di Raffaello
Lo Sposalizio della Vergine di Raffaello

La Pinacoteca di Brera è munita di 38 sale dove si possono ammirare opere che spaziano dal XIV al XIX secolo, di artisti sia italiani che stranieri. Tra questi citiamo: lo “Sposalizio della Vergine” di Raffaello, il “Cristo morto” di Andrea Mantegna, la “Pietà” di Giovanni Bellini.

Inoltre, al centro del cortile si trova il bronzo Napoleone come Marte Pacificatore, scolpito da Antonio Canova. Ci sono anche dei disegni di Leonardo da Vinci, tra i quali spicca la testa di Cristo, bozza per l’Ultima Cena. Inoltre, ci sono pittori stranieri come Rubens, Van Dyck e Francesco Hayez. Tra gli artisti più recenti ci sono invece Pablo Picasso, Modigliani, Arturo Martini, Marino Marini, Morandi, Carrà, e Giacometti.

In occasione della Notte dei Musei, si potrà prendere anche visione di parte di opere del Novecento provenienti dalla donazione Jesi (Sala 23).

Il Bacio di Francesco Hayez
Il Bacio di Francesco Hayez

Oltre ad essere un museo, la Pinacoteca di Brera è anche sede di altre istituzioni come la Biblioteca Nazionale Braidense, l’osservatorio di Brera, l’Orto Botanico, l’Istituto Lombardo di Scienze e Lettere e l’Accademia di Belle Arti. La parola “Brera”· proviene dal termine “braida”. Il palazzo infatti era stato costruito in terra “braida” che stava per campo suburbano, dal quale prese il nome anche il quartiere.

Il Progetto Brera a colori

Nella giornata del 18 maggio alla Pinacoteca di Brera, verrà inaugurato il Progetto Nuova Scuola di Colorito di Brera che ha come scopo quello di ospitare giovani artisti e studenti fino al 15 giugno in orario dalle 10 alle 13.

L’attività prevede che questi allievi dipingano di fronte a delle opere da loro scelte con cavalletti e tavolozze. Il progetto è coordinato dal Professore Ignazio Gadaleta e vuole delineare il museo come uno spazio vivo di ricerca.

Il 18 maggio in Europa e in Italia

Questo è il quarto anno che viene celebrata la gran notte dei musei in tutta Europa e in Italia. Verranno quinti resi visitabili complessi monumentali, sale espositive, siti archeologici, musei con attività anche al di fuori degli orari normali.

La sera, ci saranno tre ore di apertura oltre l’orario stabilito con l’ingresso a 1€. L’iniziativa è promossa dal Consiglio d’Europa e dal Consiglio internazionale dei Musei, ICOM. Lo scopo è la promozione del senso d’identità culturale tra gli stati dell’Unione Europea. In tutto partecipano 3200 musei in trenta Paesi.

Per sapere quali sono gli spazi che fanno apertura straordinaria in Italia, si può visitare il sito del Ministero dei Beni Culturali. Non è necessaria la prenotazione. Gli hash tag ufficiali sono #FestadeiMusei2019 #NottedeiMusei2019 #IMD2019 #MiBAC #museitaliani

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here