North Carolina: la Corte Suprema ritarda le primarie

0
137
North Carolina

La Corte Suprema del North Carolina ritarda le elezioni primarie nello Stato di oltre due mesi. La Corte ha accolto le sfide legali contro le nuove mappe politiche, che secondo i critici sono fraudolente. Il mese scorso l’Assemblea Generale del North Carolina ha approvato la nuova mappa volta a fissare i confini politici per i prossimi decenni. Democratici e gruppi per i diritti civili hanno intentato causa perché, secondo loro, le nuove mappe sono disegnate per favorire le elezioni dei repubblicani.

Perché in North Carolina sono ritardate le elezioni primarie?

La Corte Suprema del North Carolina ha deciso di ritardare le elezioni primarie nello Stato di oltre due mesi dopo le sfide legali contro le nuove mappe politiche, che per i critici sono fraudolente. L’ordinanza del tribunale, emessa mercoledì, sposta le elezioni primarie dall’8 marzo al 17 maggio 2022. Inoltre ordina un tribunale inferiore di emettere una sentenza sulla causa sulle mappe ridisegnate, intentata dai Democratici e dai gruppi per i diritti civili, entro l’11 gennaio.  L’ordine limita anche il periodo di deposito dei candidati per tutti gli uffici, anche se afferma che coloro che hanno già presentato i documenti con successo possono ancora candidarsi.

L’ordine odierno della Corte Suprema dello Stato ripristina la fede nello stato di diritto ed è necessario che la corte si pronunci sulla costituzionalità di questi distretti iniqui prima delle prossime elezioni“, ha dichiarato il governatore democratico del North Carolina Roy Cooper. Tim Moore, presidente della legislatura statale controllata dai repubblicani, ha invece affermato su Twitter di essere deluso dalla sentenza della corte. “Gettare questo processo nel caos nel mezzo dell’archiviazione lascia la Carolina del Nord con incertezza in vista delle elezioni”, ha detto Moore. “Nonostante questo ritardo, siamo fiduciosi che prevarremo al processo e le nostre mappe reggeranno”.

La nuove mappe politiche

L’Assemblea Generale del North Carolina ha approvato le nuove mappe politiche lo scorso 4 novembre. La mappa, che fisserebbe i confini politici per i prossimi decenni, è stata criticata dai democratici. Secondo loro, la nuova mappa è ingiusta perché darebbe molti più vantaggi ai repubblicani rispetto ai democratici nella maggior parte dei distretti.  


Leggi anche: North Carolina pronto a nuove protezioni sui diritti LGBTQ