Nobel Medicina 2019: ecco a chi sarà assegnato

I nomi di coloro che riceveranno il Nobel Medicina 2019 sono stati rivelati. Si tratta di tre scienziati che hanno studiato il medesimo, fondamentale, tema.

0
217

Sono stati appena rivelati i nomi di coloro che vinceranno il Premio Nobel per la Medicina e la Fisiologia 2019: parliamo al plurale perché non si tratta di un unico scienziato, ma di un trio che studiando un medesimo argomento in maniera separata è arrivato ad un’unica conclusione, le cui implicazioni porteranno alla formulazione di nuovi farmaci per la cura di anemia, cancro ed altre gravi patologie. Ma andiamo per ordine: i vincitori del Nobel Medicina 2019 sono gli americani William Kaelin, Gregg Semenza e Peter Ratcliffe – quest’ultimo operante in UK, nonostante anch’egli sia americano.

Ma cos’hanno studiato questi tre scienziati per poter ottenere un premio così prestigioso? Ebbene, i riceventi del Nobel Medicina 2019 hanno studiato le reazioni del corpo umano circa le concentrazioni intracellulari di ossigeno molecolare, il gas più importante per il corretto svolgimento della respirazione cellulare – meccanismo base per la sopravvivenza delle nostre cellule. Tre ricerche condotte separatamente, ma che hanno portato ad un risultato molto interessante: la scoperta di un complesso proteico che ha importanti effetti sul nostro organismo in base ai livelli di ossigeno molecolare incluso nelle nostre cellule.

Nobel Medicina 2019: ecco cosa è stato scoperto dai premiati

Tale complesso, chiamato dalla comunità scientifica “Hyporia Inducible Factor”, si lega al DNA delle cellule e regola la produzione di globuli rossi in base, appunto, alla quantità di ossigeno molecolare presente nelle varie cellule. Ne vien da sé che questo complesso proteico è collegato direttamente ad un’importante patologia: l’anemia, riduzione patologica dell’emoglobina (e quindi dei globuli rossi) che rende difficoltoso il trasporto di ossigeno molecolare nel nostro corpo. Per questa ragione, la scoperta permetterà di mettere a punto farmaci che a sua volta possano inibire o promuovere la formazione di HIF (acronimo che indica il complesso proteico) in base alle condizioni del paziente: un meccanismo che potrebbe essere definitivamente risolutivo per quanto riguarda l’anemia.

Ma la storia non finisce qua: il trasporto di ossigeno è, infatti, importante in generale per mantenere buono il livello di salute di ciascuna cellula. Una cellula non in salute può dar luogo in mille modi al processo di cancerogenesi, ossia alla formazione di un tumore; allo stesso modo, peggiore è la salute generica delle cellule e più facilmente i tumori potranno ingrandirsi. Dei farmaci prodotti tramite queste logiche, dunque, potrebbero ottenere un effetto rilevante nella prevenzione dell’insorgenza di tumori in determinate situazioni: anche questa è fra le motivazioni per il Nobel Medicina 2019 è stato assegnato secondo queste modalità.

Queste le parole pronunciate dai relatori durante l’annuncio ufficiale circa la premiazione:

Le fondamentali scoperte di coloro che saranno investiti dal nobel per la medicina quest’anno hanno rivelato i misteri uno dei processi adattativi più importanti in assoluto. Le loro scoperte hanno contribuito anche a tracciare vie nella lotta contro anemia, cancro ed altre patologie

A questo punto vedremo chi riceverà gli altri premi assegnati nella celeberrima manifestazione dei Nobel.

LEGGI ANCHE: Frédéric Mistral, il poeta Nobel della letteratura provenzale

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here