Nissan Leaf si reinventa come crossover: ecco come

0
400

La Nissan Leaf, l’elettrica del marchio, è pronta a trasformarsi in un crossover. Vediamo come potrebbe apparire in questa nuova veste.

Come sarà la crossover Nissan Leaf?

Il nuovo crossover che prenderà il posto della attuale Nissan Leaf sarà destinato a guidare lo sviluppo dell’impianto dell’azienda a Sunderland, come hub di veicoli elettrici dalla metà di questo decennio. All’inizio di quest’anno la casa automobilistica aveva annunciato l’investimento di 1 miliardo di sterline nel sito, e conseguentemente la produzione di un nuovo veicolo elettrico, appunto. Le batterie saranno prodotte in una nuova fabbrica, in costruzione poco lontana.


Nissan Leaf 2021 sempre più connessa


Il teaser in anteprima

Il nuovo modello sembra impostato per avere punti in comune nel design con il Suv elettrico Ariya, pronto alla produzione. Al momento dell’annuncio della nuova Nissan Leaf è stata presentata un’immagine teaser, ma alcuni dubbi sono rimasti. Ad esempio, non è chiaro se il crossover sarebbe venduto in contemporanea con un successore dell’attuale Leaf (nato nel 2017) oppure lo sostituirebbe definitivamente.

Non ci sarà una nuova berlina Leaf

A dirlo è Guillaume Cartier, capo europeo di Nissan. “Saremo crossover e saremo elettrificati” ha spiegato in un’intervista rilasciata ad Auto Express. “Entro il 2023, il 75% delle nostre auto sarà elettrificato, in un modo o nell’altro, ed entro il 2025 quella cifra sarà del 100%. Puntiamo ad avere l’80% dei nostri volumi di vendita esclusivamente elettrici entro il 2030. Avremo Juke, Qashqai, e la nuova auto, che avrà sede a Sunderland”. Infine, alla domanda di cui sopra, ha risposto che “La nuova auto sostituirà la Nissan Leaf. Sarà la nuova piattaforma, ma la forma sarà diversa”. Nessuna novità invece sul nome.

Nuovi vantaggi del propulsore elettrico

In tutti i casi, sembra ovvio che entro la metà del decennio Nissan abbandonerà i mercati delle hatchback convenzionali, in caso decida di costruire una normale supermini. Tornando al crossover, sarà basato sulla piattaforma CMF-EV di Renault, progettata per massimizzare i vantaggi del packaging di un produttore esclusivamente elettrico. È probabile quindi che Nissan condividerà i componenti della batteria con Renault, così come il sistema di infotainment Android Automotive della Mégane.

Costruire il futuro

Sempre Guillaume Cartier ha sottolineato che la storia dello stabilimento di Sunderland è la chiave del successo per realizzare il nuovo modello. “L’eredità era il motivo per cui Sunderland è stato selezionato. La dimostrazione di ciò che questa fabbrica è in grado di fare, avendo già Leaf, la competenza, la capacità di innovazione. Questo è il motivo per cui siamo stati in grado di costruire il futuro” ha concluso.