Lo stato della Nigeria ha dichiarato di essere in pieno pericolo epidemico da Colera.

 

 

 

 

 

Nigeria. Stato di Yobe. Da venerdì, nello stato africano, si stanno registrando nuovi casi di colera. I dati risalenti a ieri  venerdì 21 settembre, riportano 906 casi di persone infette di cui 61 hanno perso la vita.

Il dott. Muhammad Kawuwa, commisario per la salute, ha affermato che i casi di dissenteria acuta da acqua (AWD) segnalati in alcune zone dello stato, grazie alle analisi di laboratorio, sono stati confermati come colera.

Il medico continua asserendo:”Alcuni casi di AWD sono stati causati dal batterio Vibrio, responsabili del colera. oltre 795 pazienti sono stati trattati e dimessi con successo, 50 sono ancora ricoverati in varie strutture sanitarie in tutto lo stato. Purtroppo, abbiamo perso 61 pazienti principalmente a causa dei dei ritardi nella segnalazione alle strutture sanitarie per trattamenti salvavita.

Inoltre il dottor Kawuwa dichiara che, le 906 persone infette, sono state registrate in sei diverse aree del governo locale negli ultimi due mesi: Gujba, Gulani, Damaturu, Fune, Potiskum e Nangere.

Il medico continua dicendo che il Ministero della Salute, L’OMS, l’Università di Maiduguri Teaching Hospital ed il Nigeria  Centre  for Disease Control (NCDC), dopo l’autenticazione della natura epidemica dell’infezione, tramite il portavoce generale, hanno dichiarato che: “Alla luce di quanto scoperto e dovuto alla continua preoccupazione per la salute della nostra gente, il governo statale sta quindi dichiarando l’epidemia da colera in tutto lo stato.”

Questo si è reso necessario per garantire  una migliore risposta da parte dei partner internazionali.

Le cause di questa epidemia sono state identificate in: Scarsa igiene personale, la mancanza di alcune strutture igienico-sanitarie nelle comunità e, a metterci il carico, sarebbero state le inondazioni di acqua piovana che avrebbero in gran parte agevolato lo sviluppo dell’epidemia.

al momento non si hanno altre informazioni. Restiamo in attesa di aggiornamenti.

 

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here