Zingaretti leader di pace, volontariato e PD

Nicola Zingaretti e gli ideali di pace

0
513

Zingaretti leader politico italiano e contemporaneo. Dal 2019, Zingaretti diviene Segretario del Partito Democratico. Inoltre, il politico riceve diversi incarichi istituzionali, come: Presidente della regione Lazio, deputato del Parlamento d’Europa, Presidente di Roma provincia ed altri.

Zingaretti leader: la biografia

Nicola Zingaretti nasce a Roma l’11 ottobre del 1965. Inoltre, Nicola è il secondogenito, mentre Luca è il fratello maggiore (ed attore). A ragion per cui, Nicola consegue il diploma in odontoiatria, presso l’Istituto Professionale “Edmondo De Amicis”, di Roma. In seguito, Nicola frequenta gli studi accademici di filosofia e lettere, dove sostiene alcuni esami.

Zingaretti leader: la vita privata

Zingaretti giunge al matrimonio con Cristina, con la quale nascono le figlie Flavia ed Agnese.

Zingaretti leadere: gli ideali di pace

All’età di diciassette anni, Nicola matura la volontà di entrare attivamente, nel Movimento per la pace. A fronte di ciò, nasce un’associazione di volontariato, dal nome “Nero e non solo”, in cui Nicola ed altri sono i fondatori. Allorché, gli obiettivi concentrano l’attenzione  sulle politiche dell’immigrazione, sulla multietnicità sociale, con l’accoglienza di più culture.

Zingaretti leader: i primi incarichi politici

Nel 1980 circa, Zingaretti leader ottiene l’incarico di Segretario della FGCI di Roma. In seguito, il Movimento di Sinistra Giovanile elegge Zingaretti “Segretario Nazionale”. Inoltre, il politico diventa “Consigliere Comunale”, della città di Roma. Allorché, l’impegno di Zingaretti volge al sostegno ed alla difesa dell’ambiente e della legalità. Tuttavia, seguono la lotta alla mafia e numerose iniziative. Di fatto, nasce il primo “Campeggio Giovanile Antimafia”, in ricordo di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Zingaretti leader: La carriera politica

Nel 1995 riceve la carica di “Presidente dell’Unione Internazionale della Gioventù Socialista”, e “Vice Presidente” dello stesso. In realtà, il politico ricostruisce i legami tra i partiti ed i gruppi democratici giovanili e progressisti, in Bosnia ed Erzegovina. Allorché, all’Assemblea dell’ONU, per l’Anno mondiale della Gioventù Zingaretti diviene “Rappresentante nel Comitato delle Nazioni Unite”. Inoltre, all’età di trentatré anni, il politico diviene membro della Commissione sulla politica dei socialisti del “Progresso Globale”. A ragion per cui, il rappresentante della piattaforma politica è Felipe Gonzales. Mentre tra i componenti figurano: Martine Aubry, Shimon Peres e Ricardo Lagos. Di fatto, Zingaretti insiste sulla pace tra la Palestina ed Israele, con diversi eventi organizzativi, in favore del dialogo tra i giovani delle due popolazioni.

Altre cariche politiche

Nel 1998, Zingaretti diviene “responsabile delle Relazioni Internazionali”, per la Direzione Nazionale dei “Democratici di Sinistra”. A ragion per cui, lo stesso anno il politico organizza il “Congresso dei Socialisti Europei”, a Milano. L’anno seguente, Walter Veltroni e Zingaretti raggiungono la Birmania, dove appoggiano il “Movimento per la democrazia”. Nel 2000, Zingaretti riceve l’elezione di “Segretario dei Democratici di Sinistra”, di Roma. Inoltre, l’anno dopo, il politico diviene sostenitore di Walter Veltroni, alla candidatura di Sindaco di Roma.

Nel Parlamento d’Europa

Nel 2004 presenta la candidatura al Parlamento Europeo, nella lista “Uniti nell’Ulivo”. In seguito, Zingaretti ottiene la vittoria con 213.000 preferenze e diviene eurodeputato e Presidente. In seguito, il politico entra nel “Mercato Interno e Protezione dei Consumatori” ed “Affari Legali”. Di fatto, partecipa alle delegazioni interne al Parlamento per i rapporti con Israele e la Corea. Inoltre, segue il sostegno per: il volontariato, la disabilità, i diritti delle persone omosessuali e sul Tibet. Zingaretti Leader si distingue

A vantaggio del territorio

Nel 2007, Zingaretti insiste sulla formazione dell’amministrazione locale, con la promozione delle opportunità che offre l’Unione Europea. Lo stesso anno, il politico porta all’approvazione un progetto di legge, con l’introduzione di sanzioni penali, in linea con gli Stati Membri dell’Unione Europea. Allorché, la legge UE impone sanzioni penali per contraffazioni di merce illegale e pericolosa, d’importazione dai Paesi esterni all’UE. A ragion per cui, il politico riceve il premio di merito annuale dell’International  Herald Tribune. Ad ottobre, dello stesso anno Zingaretti diviene “Segretario della Regione Lazio”. Di fatto, il politico riceve la nomina di “Presidente della provincia di Roma”.