Home Esteri Newsom: legge per citazione in giudizio di venditori armi

Newsom: legge per citazione in giudizio di venditori armi

Tale proposta arriva in risposta della recente decisione della Corte Suprema nell’ambito della legge sull’aborto texana

0
515
Newsom: legge per citazione in giudizio di venditori armi

Gavin Newsom, il governatore della California, ha proposto una legge per consentire ai privati di citare in giudizio i venditori di armi. La proposta arriva per ribattere a una sentenza della Corte Suprema circa la legge texana sull’aborto.

Perché Newsom ha proposto una legge sulla citazione in giudizio dei venditori di armi?

Il governatore della California Gavin Newsom intende proporre una legge per consentire ai privati di citare in giudizio alcuni produttori, distributori e venditori di armi. Newsom intende modellare questa progettazione sulla base della controversa sentenza della Corte Suprema statunitense sui limiti dell’aborto nello Stato del Texas. Venerdì, infatti, la Corte ha deciso di mantenere in vigore una legge texana che consente ai privati di citare in giudizio chiunque eserciti un aborto o aiuti una donna ad abortire dopo sei settimane di gravidanza.

Le parole del governatore

“Sono indignato per la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti che ha permesso che il divieto del Texas sulla maggior parte dei servizi di aborto rimanga in vigore”, si legge in una nota di Newsom. “Se gli Stati possono ora proteggere le loro legge dalla revisione da parte dei tribunali federali che confrontano le armi d’assalto con i coltellini svizzeri, la California utilizzerà tale autorità per proteggere la vita delle persone, mentre il Texas l’ha usata per mettere in pericolo le donne”. Il governatore della California ha precisato che la sua squadra collaborerà con il procuratore generale dello Stato Rob Bonta. I privati potranno citare in giudizio coloro che producono, vendono o distribuiscono armi d’assalto o kit di armi fantasma per almeno 10mila dollari per violazione.


Leggi anche: California: Newsom firma legge sulla privacy aborto