New York Times – Trump non ha pagato le tasse per 10 anni dal 2000

Uno scoop del New York Times rivela che il presidente Trump non ha pagato nessuna imposta federale sul reddito in 10 anni su 15 a partire dal 2000 perché ha riferito di aver perso molto più di quanto ha guadagnato

0
158
New York Times

Secondo un rapporto esplosivo pubblicato ieri dal New York Times, Donald Trump non ha pagato alcuna imposta federale sul reddito in 10 anni su 15 a partire dal 2000 perché ha riferito di aver perso molto più di quanto ha guadagnato. Inoltre il Times riferisce che dal 2016, anno in cui a vinto la presidenza, ha pagato solo 750 dollari di tasse federali. La replica di Trump: “Tutte fake news”.

Scoop del New York Times – Trump non paga le tasse

Il problema delle tasse di Donald Trump è noto da tempo negli USA. Ora, a un giorno dal primo dibattito presidenziale tra Trump e Biden il New York Times ha pubblicato un rapporto esplosivo sulle tasse del Presidente.

Secondo il Time, infatti, Trump non ha pagato le tasse federali in 10 anni su 15 a partire dal 2000. La causa sarebbe perché avrebbe perso molto di più di quanto guadagnato.

Il rapporto del Times descrive in dettaglio i pagamenti raccolti da più di due decenni di informazioni fiscali. Inoltre evidenzia grandi perdite finanziarie e anni di elusione fiscale che infliggono un duro colpo al marchio del magnate degli affari con cui Trump ha costruito la sua carriera politica.

Inoltre, secondo il NYT, Trump ha utilizzato i 427,4 milioni di dollari che gli erano stati pagati per “The Apprentice” per finanziare le altre sue attività, principalmente i suoi campi da golf. Stava anche investendo più denaro nelle sue attività di quanto ne stesse prendendo.

Trump e il conflitto di interesse

Il giornale sottolinea che le informazioni fiscali di Trump rivelano esempi specifici di potenziali conflitti di interesse tra gli affari di Trump e la sua posizione da Presidente.

Nel rapporto si può leggere che il Presidente ha raccolto ulteriori 5 milioni di dollari all’anno a Mar-a-Lago dal 2015 da nuovi membri. Un produttore di materiali per tetti GAF ha speso almeno 1,5 milioni di dollari nel 2018 al campo da golf Doral di Trump vicino a Miami mentre la sua industria faceva pressioni sul governo per annullare le normative federali.

Inoltre, la Billy Graham Evangelistic Association ha pagato più di 397.000 dollari all’hotel Trump di Washington, DC, nel 2017.

Il Times riferisce anche che nei primi due anni di mandato di Trump, ha raccolto 73 milioni di dollari di entrate all’estero. Gran parte di questi provengono dai suoi campi da golf ma alcuni provenienti da accordi di licenza in paesi, tra cui Filippine, India e Turchia.

Le informazioni ottenute dal Times rivelano anche che Trump ha combattuto per anni contro l’Internal Revenue Service (IRS).


Corte Suprema USA: Trump consegni le sue dichiarazioni fiscali

Frode bancaria di Trump – i pubblici ministeri di New York indagano


La rabbia di Trump e le reazioni degli avversari

Trump dopo la pubblicazione ha dichiarato: “Sono tutte fake news. Pago molto e pago molto in tasse statali sul reddito”. Ha poi detto di essere disposto a rilasciare le sue dichiarazioni dei redditi. Tuttavia ha sottolineato che lo farà quando non sarà più sotto controllo da parte dell’Internal Revenue Service, secondo lui un’agenzia che lo tratta male.

Dopo le rivelazioni del Times i democratici sono partiti al contrattacco contro Trump. Ma anche molti repubblicani moderati come l’ex governatore dell’Ohio, John Kasich, che ha affermato: “Ci sono persone là fuori che si stanno distruggendo per guadagnarsi da vivere. Si sveglieranno e scopriranno che questo magnate incredibile ha pagato solo 750 dollari. Non mi interessa quali sono le sue scuse, è da condannare”.

Commenti