New York Botanical Garden: Yayoi Kusama esporrà

0
293
New York Botanical Garden: Yayoi Kusama esporrà

Il New York Botanical Garden quest’anno proporrà Yayoi Kusama. Una delle artiste più instagrammate degli ultimi anni. Nota per le sue opere irreali e dai colori accesi, come ad esempio le Infinity Rooms e le sculture a forma di zucca giganti.

New York Botanical Garden: l’esposizione di Yayoi Kusama?

Per gli amanti dello stile luminoso e surreale dell’artista, tra le più instagrammate, Yayoi Kusama è ora di segnare le date sul calendario. Avrà inizio infatti il 10 aprile 2021 l’esposizione dell’artista al New York Botanical Garden. Per poi terminare domenica 31 ottobre 2021. L’evento avrebbe dovuto avere luogo già nell’anno passato ma fu posticipato a causa della pandemia. Le linee guida per l’accesso avranno rispetto per le pratiche del distanziamento sociale, in linea con la situazione corrente. L’entrata sarà, infatti, regolata con fasce orarie assegnate. La mostra racconterà il suo amore incondizionato per la natura, da cui ruba l’ispirazione. Saranno presentate opere già note al pubblico. Ma porterà, inoltre, una ventata di novità. Se qualcuno non avesse la possibilità di raggiungere New York, durante il periodo prestabilito, sarà possibile visitare le sue opere al Tate Modern in Inghilterra durante la prossima primavera.


Il Mart riapre al pubblico: primo museo in Italia


L’esposizione

Le saranno dedicati 250 acri tra spazi interni ed esterni in cui si potranno ammirare dipinti d’autore, ambienti riflettenti e le enormi sculture organiche. Ma anche i suoi primi schizzi botanici, sculture morbide, collage biomorfi e una vetrina orticola che raffigura uno dei suoi quadri. Inoltre, verrà riprodotta una serra interattiva che regalerà l’emozione di poter essere gustata nel suo evolversi per tutta la durata dell’esposizione. Carrie Rebora Barratt, CEO e presidente del New York Botanical Garden, ha dichiarato in un comunicato stampa: “In una vita di ricerca di ispirazione nella natura e di spinta contro confini e pregiudizi, ha sviluppato un lessico unico per l’espressione artistica. Sebbene queste opere appaiano come forme per lo più astratte per gli spettatori, sono manifestazioni di come vede l’universo, in particolare il mondo naturale”.

Commenti