Oramai è sulla bocca di tutti, ma come ha reagito Netflix alle accuse che ha ricevuto dopo la terza stagione di Stranger Things?

Meno fumo

Netflix ha promesso di frenare le rappresentazioni di fumo nei nuovi programmi a seguito delle critiche ricevute dopo la terza stagione di Stranger Things. In particolare, nelle prime due stagioni il tabacco era presente in ogni episodio. “Andando avanti, tutti i nuovi progetti che saranno senza fumo e senza sigarette – tranne per motivi di accuratezza storica o di fatti”. Questa è la dichiarazione del portavoce di Netflix. Per i nuovi progetti destinati a un pubblico più anziano, i personaggi si asterranno da questi prodotti. C’è solo un’eccezione: “a meno che non sia essenziale per la visione creativa dell’artista o perché è la definizione del personaggio (storicamente o culturalmente importante)”.

Sensibilizzare il pubblico

Inoltre, prevede anche di iniziare a includere le informazioni sul fumo nella finestra delle classifiche che appare nell’angolo in alto a sinistra quando gli utenti iniziano a guardare una serie tv. La politica aziendale sui programmi appena commissionati non influirà direttamente sugli show già esistenti come Stranger Things. Continua così la dichiarazione:

“Netflix supporta fortemente l’espressione artistica. Riconosciamo anche che il fumo è dannoso e quando viene ritratto positivamente sullo schermo può influenzare negativamente i giovani”.

The Truth Initiative, un gruppo di difesa anti-tabacco, ha pubblicato il suo ultimo rapporto sull’uso del tabacco in TV e programmi di streaming prima dell’uscita della terza stagione di Stranger Things. Il rapporto ha rilevato che le immagini del tabacco erano complessivamente in aumento rispetto alle stagioni precedenti. Gli spettacoli di Netflix raffigurano più spesso il fumo rispetto agli altri spettacoli televisivi.

Complessivamente, le sigarette rappresentavano quasi i tre quarti delle rappresentazioni del tabacco in questi spettacoli, mentre le e-sigarette quasi non apparivano affatto. Questo, però, non è solo un problema di Netflix, ma anche di Amazon e di Hulu.

Cattiva influenza sui giovani

Gli esperti dicono che i giovani che vedono le immagini del tabacco nei media sono più propensi a usarli da soli. Secondo l’Office of the Surgeon General degli Stati Uniti, i giovani “che ottengono la maggiore esposizione al fumo sullo schermo hanno circa il doppio delle probabilità di iniziare a fumare come quelli che hanno la minima esposizione”. Non si tratta solo di serie tv, perché uno studio pubblicato l’anno scorso ha rilevato che quasi la metà dei video musicali di R & B e hip-hop dal 2013 al 2017 mostravano alcuni tipi di fumo. Lo stesso vale anche per alcuni videogiochi.

Sappiamo da un po ‘che più si vede fumare sullo schermo, più è probabile che si veda il fumo di giovani sigarette nella vita reale” ha detto Michael Tynan “C’è una relazione causale tra i due”.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here