Nelson Mandela International Day: un uomo di coraggio

1
852

“Non c’è nessuna strada facile per la libertà”

Proprio oggi, 18 luglio, si festeggia il Nelson Mandela International Day, giornata di festa dichiarato dall’Onu nel 2010. La data non viene scelta a caso, in quanto è la data di nascita del leader Sudafricano nonchè protettore della libertà e dei diritti umani.

Nelson Mandela International Day non è un semplice anniversario, un numero da ricordare nel calendario, ma è molto di più: un movimento globale per ricordare alle generazioni di agire per cambiare il mondo, proprio come Madiba.

Un segno indelebile che non deve essere mai dimenticato.

Nelson Mandela si distinse fin da subito nella vita politica per i suoi ideali e i suoi pensieri, ma soprattutto per i progetti che aveva in serbo.

Leggi anche: “Il colore del mio sangue è uguale al tuo”.

Nelson Mandela: dalla poltica al Premio Nobel per la Pace

Nelson Mandela, il cui nome esatto è Nelson Rolihlahla Mandela, non fu soltanto il leader sudafricano, ma anche uno dei più grandi presidenti del mondo, l’unico a ricevere il Nobel per la Pace. Fu l’unico a porre fine e dire basta alla segregazione razziale in Sudafrica.

Uomo di grande coraggio ed enorme determinazione, si distinse sempre dalla massa per queste due principali caratteristiche nonchè doti.

Amava la libertà, la libertà di ogni uomo, libertà di sentirsi libero e uguale agli altri, senza alcuna distinzione. E’ proprio da qui che inizia la sua lotta.

27 anni di prigione e un sogno mai dimenticato

La sua attività viene subito trasformata e tramutata in 27 anni di carcere. Nelson Mandela fu inizialmente condannato per aver contribuito all’organizzazione di alcune manifestazioni di protesta e successivamente accusato di aver complottato contro il governo.

Accuse che si trasformarono ben presto in 27 anni di reclusione, anni in cui Nelson Mandela non abbandò mai i suoi ideali.

Nonostante gli anni lunghissimi e le sofferenze, Madiba non abbandonò mai il suo popolo. Nel 1990 Mandela ritorna ad essere un uomo libero, 27 anni dopo.

L’uomo che uscì da quella cella era completamente uguale all’uomo che era entrato, con la sua differenza di essere maturato nelle sue idee, non dimenticando mai il punto di arrivo. Dedicò corpo e anima all’emancipazione del popolo nero.

Dopo 27 anni di carcere, di sofferenze, dolori, sogni infranti, Madiba dimostrò che nulla è perduto per sempre, dimostrò che i diritti umani non sono un accessorio ma sono una qualità, un elemento appartenente ad ogni uomo, senza alcuna distinzione. Dimostrò che nonostante l’odio e la discriminazione, la volontà è più forte, l’uguaglianza è più forte.

Il Nelson Mandela International Day non è solo una ricorrenza, un anniversario da festeggiare, ma è una chiamata all’azione.

Nessuno nasce odiando i propri simili a causa della razza, della religione o della classe alla quale appartengono. Gli uomini imparano a odiare, e se possono imparare a odiare, possono anche imparare ad amare, perché l’amore, per il cuore umano, è più naturale dell’odio.”

Leggi anche: Simbolo di resistenza del popolo: chi è il ragazzo della foto che sembra uscito da un dipinto.

Commenti