Nella Polonia del XXI Secolo donne discriminate per il ciclo mestruale

0
215
Polonia del XXI Secolo

Pubblicata una nuova ricerca sul tabù, lo stigma e la superstizione che circondano le mestruazioni nella Polonia del XXI secolo, condotta dalla Kulczyk Foundation. La fondazione privata polacca lotta contro la discriminazione e le disuguaglianze che colpiscono donne e ragazze in tutto il mondo. Nella ricerca ha rivelato che una donna su cinque in Polonia ha inadeguate risorse finanziarie per acquistare prodotti sanitari e vivono in una società in cui tabù e miti comuni escludono e umiliano le donne durante il loro ciclo mensile.

La ricerca della Kulczyk Foundation

La ricerca polacca segue una serie di statistiche sulla povertà condotte in altri paesi dell’UE nell’ultimo anno. Nel 2007, l’Unione Europea ha consentito ai Paesi di modificare la cosiddetta Tampon Tax, ma solo la metà dei suoi Stati membri ha preso in considerazione questo cambiamento. Sebbene il governo polacco abbia seguito la direttiva e abbia fatto il passo importante per ridurre l’IVA sui prodotti sanitari dall’8% al 5%, per molte donne a basso reddito non è sufficiente.

“(…) Non potevo davvero permettermi gli assorbenti perché dovevo comprare tutto il necessario per mio figlio. Allora avevo una bambina piccola e dovevo pensare a lei, non a me stesso. Stavo usando ciò che potevo ”, afferma una delle donne intervistate dalla Kulczyk Foundation.

La ricerca rileva che, nonostante la crescita economica, le lotte delle donne e delle ragazze polacche per accedere a prodotti sanitari adeguati e un’educazione sanitaria di qualità dimostrano ancora una volta che il tabù su questo argomento non è limitata ai paesi in via di sviluppo. La povertà legata al periodo mestruale non significa solo mancanza di accesso ai prodotti sanitari, ma anche scarsa conoscenza delle mestruazioni a causa di vincoli finanziari o, come nel caso della Polonia, un ambiente generalmente negativo composto da tabù dannosi e idee sbagliate.

Il tabù delle mestruazioni nella Polonia del XXI secolo

La ricerca della Kulczyk Foundation mostra anche che le mestruazioni sono ancora un’area di tabù culturale e sociale. Nonostante le mestruazioni siano un fatto naturale della vita e un evento mensile per donne e ragazze in tutto il mondo, il 42% delle donne che hanno preso parte allo studio ha ammesso che le mestruazioni non sono mai state discusse in famiglia.

Per la maggior parte, è considerato un argomento imbarazzante o inappropriato. Tabù a casa, lacune nell’istruzione tra i giovani e battute da coetanei portano le ragazze a non accettare il proprio corpo, la propria femminilità e sessualità. Allo stesso tempo, questi fattori determinano atteggiamenti che prevarranno nella loro età adulta. In alcuni casi, la mancanza di accesso agli assorbenti significa che le ragazze non vanno a scuola quando hanno un periodo, il che può influire sulla loro istruzione e sulle loro opportunità di carriera in futuro.

Questi atteggiamenti rafforzano i miti e le scarse conoscenze, che influiscono sulla comprensione delle donne del proprio corpo e, in definitiva, incidono negativamente sulla loro vita mestruale e riproduttiva. Lo studio ha scoperto che quasi il 30% delle donne polacche crede di non poter rimanere incinta durante il periodo del ciclo mestruale e oltre il 20% ritiene che il periodo mensile influenzi negativamente le attività culinarie.

Il silenzio nell’ambiente famigliare

L’incapacità di creare un ambiente positivo significa che le ragazze hanno spesso paura di iniziare il loro primo ciclo, associando le mestruazioni alla vergogna, all’ansia e alla solitudine. Una ragazza su tre si sente impreparata alle mestruazioni poiché la scuola e l’istruzione domestica non forniscono informazioni sufficienti o usano un linguaggio negativo e scoraggiante per descriverle.

“Tutto quello che dobbiamo fare è dare a una ragazza un assorbente e puoi cambiare la sua vita”, afferma Dominika Kulczyk, presidente della Fondazione Kulczyk. “È più probabile che vada a scuola senza perdere le lezioni, ottenere voti migliori e fare un lavoro migliore. Dobbiamo cambiare tabù e miti in Polonia per porre fine allo stigma. Le mestruazioni, che significa essere pronte per una nuova vita, dovrebbero essere un momento di festa. Sfortunatamente, invece diventa umiliazione per le donne di tutto il mondo. “

La legge contro l’educazione sessuale nella Polonia del XXI Secolo

Ad aprile, in Polonia sono state sollevate preoccupazioni in merito alla proposta di legge che potrebbe punire le organizzazioni che forniscono educazione sessuale nel paese, compresi insegnanti, operatori di sensibilizzazione e personale sanitario. I gruppi per i diritti umani temono che la legge possa vedere gli educatori agli arresti semplicemente per aver tenuto corsi di educazione sessuale per bambini e adolescenti.

Commenti