Nel Ferragosto di Bologna musei mostre e attività culturali

Iniziative e attività nelle sedi delle esposizioni bolognesi

0
587
Ferragosto di Bologna Musei
L'esposizione di Aldo Giannotti al MAMbo

Il Ferragosto di Bologna musei è all’insegna di arte e cultura. Molte infatti le attività in programma dal 13 al 26/08. Appuntamento quindi con le collezioni permanenti, le mostre temporanee, i concerti, le manifestazioni all’aperto e le iniziative educative.


A Bologna “Agorà archeologia” al Museo civico


Quali mostre visitare nel Ferragosto di Bologna musei?

Nel periodo delle ferie le esposizione permanenti di Bologna accolgono i visitatori col Green pass. Le proposte culturali comprendono momenti di musica, la realizzazione di un fumetto sul cimitero di monumentale e visite guidate a tema. Inoltre, mostre che proseguono anche nei prossimi mesi presentano artisti e opere di epoche diverse.

“Opentour” e “Risonanze”

I Musei civici sono partner di Opentour, la festa della creatività dell’Accademia di belle arti di Bologna. Un appuntamento che si colloca alla fine dell’anno di lezioni e apre le porte dell’Istituzione al pubblico per raccontarne la storia anche attraverso visite guidate. Tuttavia l’iniziativa è soprattutto l’occasione di scoprire i risultati dell’attività creativa di studenti e docenti. Palazzo d’Accursio accoglie quindi la mostra collettiva “Risonanze” con interventi di Elham Aghili, Khorshid Pouyan, Rui Wang, Kun Zhao e Yanxi Zhou.
L’esposizione costituisce dunque l’esito del percorso didattico proposto dalla docente Vanna Romualdi. Un lavoro incentrato sul rapporto tra creazione e architettura in una prospettiva di continuità concettuale e visiva. Osservando il territorio, cinque studenti hanno sperimentato connessioni tra segni e memorie preesistenti. La riflessione riguarda quindi lo spazio le sue funzionalità e le relazioni con l’ambiente.

“Safe and sound”

La mostra di Aldo Giannotti al MAMbo rientra nell’ambito del bando Italian council, concorso che promuove l’arte contemporanea del Belpaese. Le opere nascono dalla riflessione sui principi di sicurezza e protezione, considerati da diverse prospettive.
L’esposizione spazia dall’aspetto esistenziale della tutela dal rischio, alle norme che regolano la sfera sociale. Giannotti indaga il rapporto tra libertà e rassicurazione.

Sekhmet, la Potente. Una leonessa in città

Fino al 31 dicembre 2023 nell’atrio di Palazzo Galvani è collocata la statua colossale di Sekhmet. Il Museo Egizio di Torino ha prestato uno dei suoi capolavori più rappresentativi, la scultura della divinità con testa di leonessa e corpo di donna. Dea dalla natura ambivalente, devastatrice e dispensatrice di prosperità, Sekhmet, ha un nome che significa “la Potente”. Sono centinaia infatti le statue che la raffigurano per volere di Amenhotep III.
Alcuni studiosi ipotizzano che il gruppo scultoreo fosse composto da due gruppi di 365 simulacri. Alcune opere erano assise a altre in piedi così da creare una “litania di pietra” con cui il faraone svolgeva un rituale quotidiano. La regolarità dei riti in onore dell’essere supremo servivano quindi a placarne l’ira distruttrice.

Realizzare un fumetto su Facebook

Il cimitero monumentale di Bologna avrà il suo primo fumetto. Dal 18 agosto alle 20 di ogni mercoledì e sabato e fino al 2 novembre Martina Rignanese realizza i disegni su Facebook. L’autrice dell’esperimento massmediatico è una volontaria di 8cento APS. Rivolto a lettori giovani e adulti, il microcosmo della Certosa si schiuderà in un viaggio nei diari dei suoi custodi. Le protagoniste sono le famiglie Brasa e Sibaud e le vicende sono ambientate tra Settecento e Ottocento.

Gli orari di apertura a Ferragosto di Bologna musei

Domenica 15 agosto sono aperti i Musei:
• archeologico dalle 10 alle 19;
• medievale dalle 10 alle 19;
• collezioni comunali d’arte dalle 10 alle 18.30;
• d’arte industriale e Galleria Davia Bargellini dalle 10 alle 18.30;
• MAMbo dalle 10.00-21;
• Casa Morandi dalle 16 alle 20;
• memoria di Ustica dalle 17 alle 20;
• internazionale e biblioteca della musica dalle 10 alle 19;
• poi patrimonio industriale, solo su prenotazione per gruppi di 4 persone. Richieste alla mail: [email protected].

Infine, Villa delle Rose non è visitabile perché sede dei campi estivi.

Immagine di cartella stampa.