Negli Emirati Arabi fidanzato ‘ucciso e cucinato’

0
550

La donna marocchina di Al Ain è accusata di aver ucciso il fidanzato e di aver servito i resti ad un gruppo di lavoratori

Lei stessa ha confessato di aver usato il suo frullatore per tritare la carne del suo fidanzato e poi di averla servita in un piatto tipico: “machboos”.

Gli inconsapevoli cannibali sono stati un gruppo di operai edili che all’epoca, ovvero tre mesi fa, stavano facendo dei lavori vicino casa della donna. Ciò che erano i resti del fidanzato sono stati dati in pasto ai cani.

Secondo la Procura di Al Ain, la donna avrebbe compiuto questo gesto disumano perchè il fidanzato le avrebbe comunicato la rottura del fidanzamento di sette anni, dichiarando altresì che avrebbe sposato la sua stessa cugina.

Attualmente sono in corso delle indagini sulla donna trentenne. Infatti anche se l’evento risale a tre mesi fa, l’orrore è stato scoperto da pochissimi giorni. A dare il via alle indagini è stato il fratello della vittima. Andato in visita a casa della coppia avrebbe trovato un dente umano nel frullatore e sarebbe corso alla polizia. L’uomo, residente a Ajman, ha portato il referto e il rapporto sulla scomparsa del fratello che aveva denunciato a gennaio.

Alle domande dell’uomo, l’immonda assassina aveva riscontrato che il fidanzato era stato buttato fuori casa dopo aver scoperto i piani del suo matrimonio con un’altra donna e che da allora non aveva avuto più notizie.

Il test del DNA, intanto, ha confermato l’appartenenza del dente al defunto fidanzato.

Altre indiscrezioni della polizia indicano che la donna si sia avvalsa di un aiuto per ripulire l’appartamento. Ora la donna sta per essere sottoposta ad una visita psichiatrica.

Commenti