Navalny ufficialmente etichettato come “terrorista”

0
188
Navalny ufficialmente etichettato come “terrorista”

L’oppositore russo Aleksej Navalny è ufficialmente etichettato come “terrorista”. Per la Russia, ora Navalny rappresenta un pericolo come i terroristi talebani e dell’ISIS. Nella lista sono apparsi anche almeno stretti collaboratori dell’oppositore.

La Russia ha ufficialmente aggiunto il leader di opposizione Aleksej Navalny e molti dei suoi principali aiutanti al registro dei “terroristi ed estremisti” del paese.  Navalny è apparso nella lista, che è redatta dal Servizio federale di monitoraggio finanziario russo, martedì 25 gennaio. Il database online elenca le persone che le autorità russe ritengono coinvolte in attività a sostegno di organizzazioni “terroristiche o estremiste”. Navalny e i suoi alleati sono quindi posti allo stesso livello di gruppi di nazionalisti di estrema destra e di organizzazione terroristiche straniere come i talebani e l’ISIS.

Chi sono i collaboratori dell’oppositore nella lista?

Il team di Navalny ha riferito, sul suo canale Telegram, che almeno sette degli associati di Navalny ed ex coordinatori regionali sono inclusi nell’elenco. Tra questi vi sono gli avvocati Lyubov Sobol e Vyacheslav Gimadi, l’investigatore capo alla della Fondazione Anticorruzione (FBK) fondata da Navalny stesso Georgy Alburov e uno dei dipendenti dell’FBK Ruslan Shaveddinov. Nella lista si leggono anche i seguenti nominativi: l’ex capo del quartier generale dell’FBK di Tomsk, Ksenia Fadeeva, l’ex coordinatore della sede di Arkhangelsk, Egor Butakov, l’ex operatore FBK, Pavel Zelensky. I due più anziani aiutanti di Navalny, Leonid Volkov e Ivan Zhdanov, sono stati inclusi nel registro dei “terroristi ed estremisti” all’inizio di gennaio. Anche la Fondazione Anticorruzione e la sua rete di uffici regionali sono classificati come organizzazioni “estremiste” e sono bandite dalla Federazione.


Leggi anche: Navalny accusa l’Occidente di “cadere nella trappola di Putin”

Premio Sacharov 2021: vince Aleksej Navalny