Navalny ricoverato in ospedale per sospetta tubercolosi

L’oppositore russo è stato trasferito in una struttura medica carceraria perché affetto da difficoltà respiratorie

0
265
Navalny ricoverato in ospedale

L’oppositore russo Aleksej Navalny è ricoverato presso l’ospedale del carcere in cui trova a causa di febbre alta, tosse e difficoltà respiratorie. Le autorità sospettano che possa trattarsi di tubercolosi, che ha colpito almeno altri 15 detenuti nella struttura. A dare la notizia è il giornale russo Izvestia, secondo cui Navalny avrebbe anche fatto un tampone per verificare un eventuale contagio da coronavirus.

Navalny ricoverato per sospetta tubercolosi?

L’oppositore russo Aleksej Navalny è stato trasferito presso la struttura sanitaria della colonia carceraria in cui è detenuto. Il dissidente avrebbe accusato dei sintomi quali febbre alta, tosse e difficoltà respiratorie. Lo stesso Navalny ha dichiarato che potrebbe trattarsi di sospetta tubercolosi, di cui sono già affetti altri 15 detenuti. I sanitari della colonia carceraria lo hanno anche sottoposto a un tampone molecolare per verificare un eventuale contagio da Covid-19.

Navalny ha scritto su Instagram: “Sto citando i dati ufficiali della misurazione della temperatura odierna: ‘Navalny AA, forte tosse, temperatura 38,1’. PS Sto continuando il mio sciopero della fame, ovviamente”. Ha anche aggiunto, scherzando: “Sono sorpreso che non ci sia il virus dell’Ebola qui. Questa è la nostra colonia ‘ideale ed esemplare’”. Questa dichiarazione di Navalny arriva dopo che i media vicini al Cremlino hanno lanciato un’offensiva per smentire le lamentele dell’oppositore. Sono addirittura arrivate dichiarazioni come “l’aspetto di Navalny è abbastanza normale” e la sua colonia penale “praticamente esemplare”. L’oppositore ha scritto che i rapporti sui quali erano scritte queste dichiarazioni “non contenevano una sola parola di verità”.

Putin firma una legge per rimanere in carica fino al 2036

Il ricovero di Aleksej Navalny arriva in contemporanea con l’approvazione della legge che permetterà a Putin di rimanere in carica fino al 2036. Nel marzo 2020 il presidente Putin aveva già proposto questo emendamento costituzionale. Teoricamente, la Costituzione delle Federazione Russa prevede un limite di due mandati per presidente. Se si tiene conto del numero di mandati del presidente russo possibili fino al 2036, si otterrebbe un totale di due mandati. Di fatto, questo nuovo emendamento firmato dal Presidente azzererebbe il conteggio dei mandati di Putin, considerandolo in sostanza come un nuovo presidente.


Leggi anche: Aleksej Navalny annuncia sciopero della fame

Commenti