Navalny: fermato il legale del Fondo Anticorruzione

La notizia è stata riportata dal giornale online Meduza

0
237
Navalny: fermato il legale del Fondo Anticorruzione

La testata online Meduza ha riferito che i servizi di sicurezza russi hanno fermato l’avvocato Ivan Pavlov, capo dell’associazione di giuristi Komanda 29 e legale del Fondo Anticorruzione Navalny nel processo che vede l’ente accusato di “estremismo”. Il Cremlino sta cercando in tutti i modi di far dimenticare Navalny.

Navalny: fermato il legale della FBK?

La testata online Meduza ha riportato che i servizi di sicurezza (FSB) hanno fermato l’avvocato Ivan Pavlov, capo dell’associazione di giuristi Komanda 29. Pavlov è anche l’avvocato difensore del Fondo Anticorruzione dell’oppositore russo Aleksej Navalny nel processo che vede l’ente accusato di “estremismo”. Secondo un collega di Pavlov, Ievgheni Smirnov, sono in corso delle perquisizioni e gli agenti sono arrivati alle 6 del mattino presso l’hotel Mercure di Mosca, dove Pavlov è stato fermato. Pavlov è accusato di aver diffuso dati di un’indagine preliminare.

Komanda 29 ha dichiarato: “Ivan Pavlov, il leader della Komanda 29, è stato arrestato il 30 aprile a Mosca dopo una perquisizione nella sua stanza d’albergo. Il signor Pavlov si stava preparando per un’udienza in tribunale alle 9 del mattino per il suo imputato, il giornalista Ivan Safronov, accusato di tradimento”. Il team 29 ha aggiunto che le autorità hanno anche sfondato la porta dell’appartamento di San Pietroburgo del suo addetto alla sicurezza digitale, Igor Dorfman, che ha smesso di rispondere alle chiamate in quel momento. Successivamente ha riferito che la polizia ha fatto irruzione nel suo ufficio a San Pietroburgo e nella casa della moglie di Pavlov.

Pavlov rischia tre mesi di reclusione

Pavlov rischia fino a tre mesi di reclusione o due anni di servizio alla comunità se ritenuto colpevole di “divulgazione dei dati di un’indagine preliminare”. La collega di Pavlov, Olga Tseytlina, ha detto alla BBC Russia che crede che sia stato arrestato in relazione al caso Navalny. Tseytlina ha affermato: “Questo è un atto di intimidazione per l’intera comunità legale. Un segnale che siamo tutti sotto la spada di Damocle: se apri la bocca, ci saranno delle ricadute”.

Il nuovo piano del Cremlino: etichettare Navalny estremista

Il nuovo piano del Cremlino per far dimenticare Navalny è dichiararlo estremista. Definire l’intera organizzazione estremista vorrebbe dire estrometterla dalla vita politica per sempre, rendere non soltanto impossibile a qualcuno dei membri della FBK di candidarsi, ma anche di avere una sede, ricevere finanziamenti.  In questi mesi, i sostenitori di Navalny hanno dovuto affrontare molte difficoltà. Molti hanno raccontato di aver subito intimidazioni, i quartieri generali in giro per la Russia sono stati danneggiati. Inoltre alcuni oppositori hanno dovuto assistere all’arresto di un parente. La rappresentante della sede di Murmansk ha raccontato che i suoi vicini hanno ricevuto lettere anonime in cui lei è accusata di pedofilia. Queste rappresentano calunnie e violenze che cercano di soffocare un movimento che deve reinventarsi dopo l’arresto del suo leader.   


Navalny torna in aula dopo lo sciopero della fame

Organizzazione Navalny: la Russia sospende le attività