domenica, Luglio 21, 2024

NATO: sempre più paesi raggiungeranno l’obiettivo del 2% di spesa

Sempre più paesi raggiungeranno l’obiettivo del 2% di spesa di difesa della NATO. Grande soddisfazione per il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

NATO: sempre più paesi raggiungeranno l’obiettivo del 2%

Sempre più paesi raggiungeranno l’obiettivo del 2% di spesa di difesa della NATO. Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha annunciato che 23 dei 32 stati membri dovrebbero rispettare gli impegni di spesa per la difesa dell’alleanza quest’anno. Si tratta di 13 paesi in più rispetto ai dati dello scorso anno e cinque in più rispetto a una stima precedente di febbraio.

L’obiettivo degli investimenti nella difesa della NATO è stato concordato nel 2014. L’obiettivo dell’impegno era che i membri dell’alleanza spendessero il 2% del loro prodotto interno lordo (PIL) per la difesa nazionale e congiunta e destinassero il 20% delle spese annuali per la difesa agli equipaggiamenti.

I tre principali paesi che spendono la percentuale più alta del PIL nazionale nella difesa sono Polonia (4,12%), Estonia (3,43%) e USA (3,38%). Tra i paesi che hanno aumentato le spese per la difesa in modo più evidente ci sono le potenze europee Germania e Francia. Quest’anno, la Germania ha raggiunto l’obiettivo di difesa del 2% per la prima volta dall’inizio degli anni ’90. Anche i Paesi Bassi il cui primo ministro uscente Mark Rutte punta a diventare il prossimo segretario generale della NATO, dovrebbero raggiungere l’obiettivo di spesa per la difesa. Il nuovo elenco di paesi che dovrebbero raggiungere l’obiettivo minimo comprende Albania, Montenegro, Macedonia del Nord, Bulgaria e Romania. Si prevede che anche la Turchia, la Repubblica Ceca, la Slovacchia, la Svezia e la Norvegia raggiungeranno l’obiettivo del 2%. 

Dei 32 stati membri della NATO, solo il Canada e il Belgio non dovrebbero rispettare le linee guida della NATO secondo cui il 20% della spesa per la difesa sarà destinata alle attrezzature. Si prevede che anche l’Islanda non raggiungerà l’obiettivo, anche se il paese non dispone affatto di un esercito permanente. Paesi tra cui Croazia, Portogallo, Italia, Canada, Belgio, Lussemburgo, Slovenia e Spagna non raggiungeranno l’obiettivo minimo di spesa per la difesa della NATO.


Leggi anche: Nato, Rutte sarà il prossimo segretario generale: le 5 sfide che lo attendono

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Latest Articles