NATO respinge le richieste di Mosca di fermare l’espansione

0
337
NATO: conclusa la conferenza dei Direttori nazionali degli Armamenti

A pochi giorni dal vertice sulla sicurezza tra Russia, NATO e USA, l’Alleanza respinge le richieste di Mosca di fermare l’espansione. Anche gli USA hanno attaccato la Russia, accusandola di diffondere una “falsa narrativa” contro USA, Ucraina e NATO.

La NATO respinge le richieste di Mosca

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha respinto le richieste della Russia di fermare l’espansione dell’Alleanza in tutta Europa. “Non scenderemo a compromessi sui principi fondamentali, incluso il diritto per ogni nazione di decidere il proprio percorso, compreso il tipo di accordi di sicurezza di cui vuole far parte“, ha detto Stoltenberg ai giornalisti a Bruxelles in una riunione dei ministri degli esteri della NATO. Le dichiarazioni di Stoltenberg arrivano pochi giorni prima del vertice sulla sicurezza con la Russia.

Quali sono le richieste della Russia?

Mosca ha presentato una serie di richieste agli USA e alla NATO volte ad allentare le tensioni con l’Ucraina. Nella bozza del documento è inclusa la richiesta che l’Alleanza interrompa tutti i piani di adesione, inclusa l’Ucraina, e di annullare i suoi dispiegamenti militari vicino ai confini della Russia. Il Cremlino vuole anche garanzie da Washington che gli USA non stabiliranno basi militari negli ex stati sovietici che non fanno parte della NATO, né svilupperanno con loro una cooperazione militare bilaterale. In cambio, la Russia limiterebbe le esercitazioni militari e fermerebbe le ostilità di basso livello, compreso il ronzio degli aerei. 

Con i recenti commenti di Stoltenberg, sembra tuttavia improbabile che la NATO accolga le offerte di Mosca. Stoltenberg ha affermato che la NATO è disposta a discutere del controllo degli armamenti. Tuttavia non consentirà a Putin di limitare il modo in cui l’Alleanza protegge i paesi membri. Anche il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha puntato il dito contro la Russia. Ha accusato Mosca di aver propagandato una “falsa narrativa” secondo cui era minacciata da Ucraina e NATO per giustificare l’accumulo di truppe vicino al confine ucraino.


Leggi anche: Blinken accusa la Russia di “falsa narrativa”