L’anticipo serale della 27° giornata di campionato di Serie A vede sfidarsi al San Paolo la capolista Napoli, chiamata a rispondere al successo bianconero contro la Lazio, ottenuto con un gol di Dybala all’ultimo minuto, e l’altalenante Roma, alla ricerca di un riscatto dopo la sconfitta rimediata all’Olimpico contro il Milan.

Sarri schiera la sua consueta rosa, ad eccezione di Zielinski, scelto come sostituto di Hamsik, che non ha ancora recuperato dall’influenza. Di Francesco, dopo averli fatti riposare domenica scorsa, ricorre nuovamente ai big e vediamo così in campo Florenzi, De Rossi e Dzeko.

Il match si avvia su ritmi altissimi e già nei primi tre minuti si registrano occasioni per entrambe le squadre, ma sia Perotti che Insigne non concretizzano. L’attaccante azzurro si fa immediatamente perdonare portando il Napoli in vantaggio già al 6’ sfruttando un cross basso di Mario Rui e battendo Alisson con un piatto destro vincente che termina nell’angolino, proprio lì dove il portiere giallorosso non può fare nulla. 1-0.

I tifosi partenopei non fanno neanche in tempo ad esultare che Under ripristina subito al 7’ la situazione di parità rispondendo ad Insigne con un gol-capolavoro di sinistro che beffa Reina. L’attaccante turco sigla così la sua 5° rete con la maglia della Roma. 1-1.

Al San Paolo la partita è molto dinamica, le squadre sono aperte e si assiste a un bellissimo spettacolo. Il Napoli aumenta la pressione e cerca con tutte le sue forze il gol del 2-1, ma deve fare i conti a più riprese con Alisson soprattutto quando il brasiliano al 17’ si supera su Insigne deviando la sua volèe da posizione ravvicinata.

Insigne, ispiratissimo, continua a tentare di sfondare la porta controllata da Alisson e la difesa giallorossa con conclusioni, cambi di direzione e giocate da vero campione. Al 24’ va nuovamente al tiro, ma il suo tentativo sorvola la porta giallorossa.

Proprio nel momento migliore del Napoli arriva al 26’, come un fulmine a ciel sereno, la rete di Dzeko che opera così il sorpasso della Roma con una perfetta incornata che non lascia scampo a Reina. Da segnalare il cross di notevole fattura di Florenzi. 1-2.

La fluidità offensiva del Napoli si scontra dunque con la concretezza e il cinismo sotto porta degli avversari.

Ad evitare il pareggio dei padroni di casa ci pensa Alisson che al 30’ fa un miracolo mettendo le pezze su una conclusione incrociata insidiosissima di Mertens.

Il primo tempo si chiude con il vantaggio della Roma che ha rischiato anche di fare il terzo gol con Under.

La ripresa inizia con un Napoli intenzionato ad ottenere almeno il pareggio: ci prova Callejon, ma, nonostante la buona coordinazione, non riesce a tenere basso il pallone, poi è il turno di Insigne che ci prova al volo, ma si imbatte nuovamente in un super-Alisson e poi nuovamente Callejon che colpisce il palo direttamente da calcio d’angolo.

La Roma si mostra invece molto efficace nelle ripartenze e prova a sfondare con Florenzi, il cui bel cross passa tutto l’area di rigore, ma non viene raccolto da nessuno e poi con Under.

Al 73’ i giallorossi approfittano degli spazi lasciati dagli azzurri e gelano il San Paolo segnando la terza rete con Dzeko che trova l’angolino basso con un sinistro a giro da fuori area. Doppietta per l’attaccante bosniaco e strada ancora più in salita per il Napoli. 1-3.

Sarri decide di giocarsi la carta Milik, al suo rientro in campo dopo l’infortunio rimediato contro la Spal, per tentare il tutto per tutto.

Al 76’ Alisson dimostra ancora una volta il suo valore con una doppia parata su Insigne, indubbiamente il giocatore più pericoloso dei padroni di casa.

Pochi minuti dopo, al 79’, la Roma cala il poker con Perotti che approfitta di un brutto errore di Mario Rui che rinvia corto di tacco il cross di Kolarov, e segna senza difficoltà, chiudendo definitivamente la partita. 1-4.

All’ ’84 Florenzi salva sulla linea di porta la conclusione a botta sicura di Mertens che però nei minuti di recupero riesce ad accorciare le distanze con un bel destro su cui Alisson non può arrivare. 2-4

La partita termina 4-2 per la Roma che ha condotto una partita di sostanza e che nei momenti cruciali ha potuto fare affidamento su Alisson, sempre più determinante. Il Napoli ha giocato una buona partita, ma ha lasciato troppi spazi agli avversari che prontamente ne hanno approfittato.

Il Napoli mantiene ancora il primo posto, a +1 sulla Juve, che però deve recuperare la gara contro l’Atalanta, mentre la Roma riagguanta il terzo posto, sorpassando la Lazio e in attesa dell’Inter che recupererà il derby in data da definirsi, in seguito alla sospensione delle partite di domenica per la tragica scomparsa del Capitano della Fiorentina Davide Astori.

NAPOLI-ROMA 2-4 (1-2)

MARCATORI: 6’ Insigne, 7’ Under, 26’ Under, 73’ Dzeko ,79’ Perotti, 92’ Mertens

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Jorginho (75’ Milik), Zielinski (65’ Hamsik); Callejon, Mertens, Insigne. A disposizione: Sepe, Rafael, Tonelli, Milic, Maggio, Diawara, Rog, Machach, Ounas.

Allenatore: Sarri

ROMA (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Nainggolan, De Rossi (88’ El Shaarawy), Strootman; Under (72’ Gerson), Dzeko, Perotti (80’ Pellegrini). A disposizione: Skorupski, Lobont, Jesus, Capradossi, Peres, Silva, Gonalons, Schick, Defrel.

Allenatore: Di Francesco

ARBITRO: Massa di Imperia

AMMONITI: Mertens, Fazio, Dzeko

 

 

 

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here