Myanmar: condannati a morte due attivisti politici

Sono accusati di aver violato la legge anti-terrorismo

0
199
Myanmar: condannati a morte due attivisti politici

In Myanmar sono stati condannati a morte due attivisti politici. Si tratta Phyo Zeyar Thaw, membro della Lega Nazionale per la Democrazia (NLD) e di Kyaw Min Yu, attivista pro democrazia. Continuano le condanne di coloro che si oppongono al regime della giunta militare.

Condannati a morte due attivisti politici in Myanmar?

Un tribunale militare del Myanmar ha condannato a morte Phyo Zeyar Thaw, membro della Lega Nazionale per la Democrazia (NLD) della deposta leader Aung San Suu Kyi. L’uomo è accusato di aver violato la legge anti-terrorismo. La giunta militare ha reso noto che il tribunale ha anche condannato alla pena capitale l’attivista pro democrazia Kyaw Min Yu, meglio conosciuto come Ko Jimmy. I due sono stati giudicati colpevoli di reati che coinvolgono esplosivi, attentati e finanziamento al terrorismo.

Chi sono i due attivisti?

Phyo Zeyar Thaw, il cui vero nome è Maung Kyaw, è stato eletto in Parlamento nel 2015 con il partito del movimento pro democrazia. Le autorità lo hanno arrestato lo scorso novembre in un appartamento di Yangon, la città più grande del Myanmar, a seguito di “una soffiata e la collaborazione di cittadini rispettosi”. Secondo quanto riferito dai militari, Zeyar Thawn era in possesso di due pistole, munizioni e un fucile M-16. Le autorità lo hanno accusato di aver orchestrato diversi attacchi contro le forze di sicurezza.

Kyaw Min Yu è una attivista politico salito alla ribalta durante la rivolta studentesca del Myanmar del 1988. È membro del cosiddetto movimento “88 Generation” che ha sfidato i precedenti governi militari birmani. I militari lo hanno arrestato in un raid notturno lo scorso ottobre. È accusato di aver incitato disordini attraverso i suoi post suoi social media.


Leggi anche: Myanmar: USA condannano gli attacchi dei militari

Suu Kyi condannata ad altri 4 anni di carcere

Myanmar: Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere