Murales medievali di Kyiv salvati dal deterioramento

La collaborazione che Musei ha permesso di intervenire e ripristinare le opere della cattedrale di Santa Sofia

0
354
Chernobyl: Kyiv lancia l’allarme su rischio radioattività

Il Museo di Storia Naturale di Londra e l’Accademia Nazionale delle Scienze dell’Ucraina hanno completato la ricerca volta a contribuire a salvare alcune delle opere d’arte storiche di Kiev. I ricercatori hanno unito le forze per stabilire la causa del danno ai murales medievali di fama mondiale nella Cattedrale di Santa Sofia, patrimonio mondiale dell’Unesco a Kyiv.


Patrimonio ucraino Unesco a rischio con l’occupazione


Che problemi presentano i murales medievali di Santa Sofia?

I murales, dipinti sulle pareti della cattedrale intorno al 1.000, sono alcune delle opere più significative dell’Ucraina, ma hanno sviluppato macchie scure e hanno iniziato a sfaldarsi. Nel tentativo di proteggerli e ripristinarli è condotta una ricerca per stabilire il tipo di organismi microscopici che causavano il danno. La ricerca è iniziata prima dell’invasione russa e inizialmente gli scienziati hanno scoperto crepe e vuoti all’interno del tessuto sulle pareti e grandi cristalli insoliti.

L’intervento degli esperti dei Musei per i murale medievali

Gli scienziati del Museo di Storia Naturale di Londra hanno guidato il lavoro sul documento, mentre i colleghi ucraini hanno sospeso l’attività durante il conflitto. Gli studi microscopici sulle aree deteriorate hanno concluso che i funghi sono responsabili del danno, invece i cristalli sono l’effetto di un problema di calce. Il materiale era impiegato nei murales solo due volte, nel Monastero di Pedralbes a Barcellona e nella tomba di Tutankhamon. La ricerca dovrebbe consentire la conservazione di queste e altre opere d’arte storiche in futuro.

Una collaborazione che tutela il patrimonio ucraino

La Ricercatrice ucraina Marina Fomina, autrice principale dell’articolo, pensa che lavori a Santa Sofia contribuiscano a limitare i danni della guerra. Così infatti, l’ex URSS non riesce a distruggere e assimilare violentemente gran parte dell’identità culturale nazionale. Il Dottor Javier Cuadros, studioso senior al Museo di Storia Naturale, ha svolto un ruolo cruciale nel portare il documento oltre il traguardo. Il team ha collaborato in un periodo devastante. Sentire parlare del sostegno che si sono dati nelle loro comunità è una lezione di solidarietà e mantenimento della coesione nei momenti difficili. La ricerca, pubblicata nell’edizione di novembre 2022 della rivista International Biodeterioration and Biodegradation, è dedicata al “coraggioso popolo ucraino”.