Il DJ e producer aretino Mr. Mee Roy ha lanciato la Trainspotting Challenge con la pubblicazione del suo remix di Born Slippy, celeberrimo brano della colonna sonora del seguito del film cult uscito a Febbraio di quest’anno.

Mee Roy ha avviato diversi progetti nel corso della sua carriera. Inizia come batterista alla tenera età di 10 anni e in adolescenza forma la sua prima band ska / norhern soul, “Mee Roy and the Arethinians”. Si avvicina successivamente al mondo dell’ hip-hop e poi dell’elettronica intorno ai 20 anni, divenendo uno dei primi sperimentatori italiani del genere trap. E’ in quest’occasione che inizia a collaborare con artisti italiani, come Brusco, e giamaicani, tutti esponenti del reggae/dancehall.
Nel 2013 fonda un’etichetta indie, Take These Shit. Comincia una serie di produzioni, ep, singoli e feat con artisti hip-hop e il suo lavoro viene notato e supportato da Partysquad, Yellow Claw, Gué Pequeno e altri. Nel 2014 ha raggruppato tutti i suoi lavori e progetti sotto il nome di MR. MEE ROY.

Tra i suoi maggiori risultati si segnala la produzione del brano “Milano in the cage” per l’ominimo film uscito nel 2016 e presentato al Festival di Cannes.

Il Big Happening del seguito di Trainspotting ha spinto Mee Roy a celebrare la pellicola con un remix ad hoc di Born Slippy, brano dei britannici Underworld e uno dei tanti diamanti della colonna sonora del capolavoro di Danny Boyle. Nel video-clip del remix, che potete trovare su Youtube, vediamo Mr. Mee Roy che viene lentamente ricoperto da una colata di vernice arancione: l’immagine intende evocare la condizione di soffocamento e cecità che vivono i protagonisti di Trainspotting nell’affrontare la loro dipendenza dall’eroina.
La direzione e produzione del video sono state gestite da Hoola Hop Agency, con la collaborazione di Behind The Scene nella direzione artistica.

Oltre alla versione del video-clip sul “Tubo”, è possibile ascoltare la extended-version del remix su Soundcloud.

Facebook

Soundcloud

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here