Mplus museum: il Governo limita l’esposizione delle opere

Gli artisti dissidenti come Ai Weiwei non saranno presentati alle mostre per l'inaugurazione degli spazi espositivi

0
231
Mplus museum
Il fotografo Ai Weiwei

Aperto da oggi Mplus museum a Hong Kong è già oggetto di critiche per alcune dichiarazioni della Direttrice. La responsabile ha infatti ritrattato l’affermazione che riguardava l’esposizione di lavori di artisti dissidenti dopo un intervento di Henry Tang, funzionario del settore culturale. Pertanto alle mostre inaugurali non saranno esposte a l’opera di Ai Weiwei e le fotografie di Liu Heung-Shing che documentano la repressione di piazza Tiananmen.


Ai Weiwei a Lesbo e le immagini dei migranti


Come si presenta Mplus museum?

L’esposizione si trova nel distretto culturale West Kowloon e è realizzata dallo studio di architettura Herzog & de Meuron. Il museo riunisce le opere di arte visiva, design e contemporanea cinese. L’edificio è strutturato in due volumi e si affaccia sullo skyline del porto. All’interno ci sono sale lettura, un negozio e un centro di ricerca. I lavori per la realizzazione dello spazio di 17mila metri quadrati hanno richiesto 14 anni.

La donazione di Uli Sigg

La collezione di M+ museum è costituita in parte dalla donazione del collezionista svizzero Uli Sigg. Ex ambasciatore svizzero, ha messo a disposizione dell’esposizione permanente 1.500 opere d’arte. L’estimatore ha riunito lavori che hanno una valenza artistica e sociale e descrivono i cambiamenti avvenuti in Cina nell’ultimo secolo. Una parte riguarda anche i rapporti con l’Occidente, lo sguardo al capitalismo e alla libertà americana. Inoltre, ha prestato attenzione ai nomi emergenti del panorama creativo del paese.

Le limitazioni della legge sulla sicurezza

Il Governo di Pechino ha già messo in chiaro che l’allestimento non deve fomentare il dissenso. Pertanto alle mostre per l’inaugurazione non ci sarà la fotografia di Ai Weiwei in cui punta il medio verso i luoghi di potere, in particolare a Piazza Tiananmen. Probabilmente la serie “Study of perspective” di cui fanno parte anche gli scatti della Casa Bianca e del Reichstag, rimarrà in deposito.