Move-In: il programma milanese con qualche difetto

0
453

Nel Comune di Milano è stato messo in funzione il programma Move-In: si tratta di una piccola scatola nera da installare sull’auto, che permette di beneficiare di qualche km di bonus nell’Area B. Sembra però che non sia così efficace.

In cosa consiste il programma Move-In?

La piccola scatola nera costa 50 euro l’anno tra installazione e abbonamento, e permette, come dicevamo sopra, alle auto messe fuorilegge dal Comune di ottenere dei bonus di km nell’Area B. Si tratta di 200 km annuali per le auto più vecchie e 2000 per le più recenti Euro 5 a gasolio. Ci sono soltanto delle piccole magagne (o forse neanche tanto piccole).


Divieto di circolazione le regole nelle maggiori città


Una scatola che registra ogni km

Il problema è che la scatola nera registra via satellite tutte le percorrenze. Cosa significa questo? Che non si limita a mantenere nella sua memoria i km fatti nell’Area B e nella fascia oraria 7.30-19.30, quella del divieto. Ma registra i km su ogni strada di Milano, e perfino su quelle dei 560 comuni lombardi che abbiano aderito alla strategia anti auto di Palazzo Marino. Qui, però, non sono in dotazione varchi elettronici ai confini.

Poca assistenza

Sapendo questo, l’automobilista si porrà la domanda se installare questa scatola nera oppure no. Ebbene, il numero verde messo a disposizione dalla Regione Lombardia risponde assai raramente, mentre sul sito è possibile trovare soltanto i recapiti degli uffici di Milano cui rivolgersi… e si fa presente che è necessario contattare la Regione al numero di cui sopra. “Il progetto Move-In prevede la possibilità di avvalersi di una deroga chilometrica, misurabile e controllabile che estende le limitazioni a tutti i giorni della settimana e a tutte le ore del giorno, consentendo così di prevedere un risparmio di emissioni. Tale risparmio emissivo viene trasformato in chilometri che possono così essere redistribuiti nell’arco della giornata e della settimana, rispetto a quelli attualmente percorribili agli autoveicoli limitati” si legge.

Dubbi irrisolti

Insomma, i dubbi rimangono tali, per gli automobilisti che hanno installato la scatola nera e si sono già pentiti di averlo fatto. Infatti, se si installa questa aggiunta e non si necessita di più di 50 ingressi l’anno nell’Area B, questa risulta inutile, in quanto in tutta la Regione è possibile circolare senza limiti di percorrenza. Se invece si gravita in quella zona, magari per lavoro, i km di bonus non arrivano a coprire le reali esigenze del cliente.

Come rescindere il contratto?

Installare la scatola nera prevede la stipula di un vero e proprio contratto. Di conseguenza, per revocarne l’installazione è necessario entrare nella piattaforma informatica movein.regione.lombardia.it e selezionare Revoca del servizio. In tal modo si ottiene la cessazione del monitoraggio, ma non la cancellazione dei km già registrati. “Nel caso in cui il veicolo abbia superato la soglia del 50% del bonus assegnato, non essendo più monitorabile viene equiparato ad un veicolo che ha terminato i km a disposizione e non potrà più circolare, nelle aree sottoposte a limitazione, fino alla scadenza dell’anno del contratto. Se, invece, si è revocata l’adesione sotto al 50% dei km assegnati, questo ricadrà nel sistema delle limitazioni permanenti vigenti”. È quanto spiega la Regione in proposito.