MILANO- Al Palazzo Reale in mostra “Picasso Metamorfosi”

Una fusione di tradizione ed innovazione: Pablo Picasso, ribelle per eccellenza ai canoni classici è affiancato dagli elementi tipici della tradizione, di cui subì l’influenza, è il protagonista della mostra “Picasso Metamorfosi”.

Dal 18 ottobre 2018 la mostra è stata aperta al pubblico e fino al 17 gennaio 2019 verrà ospitata dal Palazzo Reale di Milano.

Picasso-Méditerranée, promossa dal Musée Picasso di Parigi, è un evento culturale internazionale della durata di 2 anni, 2017-2019: la mostra organizzata a Milano è parte integrante di questo.
Curata da Pascale Picard, direttrice dei Musei civici di Avignone, la mostra ha visto la cooperazione del Comune di Milano-Cultura e Mondo Mostre Skira, accanto al contributo di numerosi celebri musei: Musée du Louvre di Parigi, i Musei Vaticani di Roma, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il Musée Picasso di Antibes, il Musée des Beaux-Arts di Lione, il Centre Pompidou di Parigi, il Musée de l’Orangerie di Parigi, il Museu Picasso di Barcellona .

Pablo Picasso: ospite ricorrente del Palazzo Reale

La storia tra Picasso ed il Palazzo Reale di Milano inizia nel 1953 quando, nella Sala delle Cariatidi, venne esposta la Guernica di Picasso, ritratto simbolo delle sofferenze causate dalla guerra. Nuovamente fece la sua comparsa nel settembre del 2001 e l’ultima, prima dell’attuale, fu la rassegna monografica del 2012, durante la quale i visitatori arrivarno a 558mila.

Mostra Picasso al Palazzo Reale nel 1953

Quando nel 1953 Picasso scelse Milano e la Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale, in parte distrutta dalla guerra, per mostrare al mondo Guernica, simbolo della sua straordinaria capacità espressiva, tra il suo genio e la nostra città nacque un legame unico e reso evidente, ad ogni ritorno delle sue opere, da una appassionata partecipazione di pubblico” ha detto Giuseppe Sala, Sindaco di Milano. “E’ stato così nel 2001 con 450.000 visitatori e nel 2012 con più di mezzo milione. E’ indubbio quindi che Picasso piaccia a Milano e che grazie allo studio e al lavoro dei curatori e degli organizzatori la proposta culturale sia sempre stata all’altezza delle aspettative. Per questo confidiamo che anche questa nuova esposizione, che sarà a Palazzo Reale dal prossimo ottobre, saprà sorprendere ancora, forte della qualità e del valore di un progetto che ha scelto il tema della mitologia come filo conduttore, per svelare aspetti ancora inediti della produzione di questo eccezionale artista”. 

6 sezioni e 200 opere

Picasso, il mito e l’arte classica: è il tema dll’ennesima mostra che viene presentata a Milano.

Le sei sezioni hano come protagoniste opere del genio cubista affiancate da quelle dell’ arte antica derivate da i più famosi musei a livello mondiale: vasi, statue, rilevi, stele e ceramiche, hanno ispirato un artista sempre descritto come “anti-convenzionale”.

Per un totale di 200 opere, il percorso espositivo è suddiviso in sei sezioni, ognuna con un proprio nucelo tematico: Mitologia del Bacio – Ingres, Rodin, Picasso; Arianna tra Minotauro e Fauno; Alla Fonte dell’Antico – Il Louvre; Il Louvre di Picasso: tra greci, etruschi e iberici; Antropologia dell’antico; L’antichità delle metamorfosi.

ll filo conduttore delle sei sezioni è la capacità artistica di Picasso segnata profondamente da una conoscenza dell’arte classica e la sua bravura nel comporre opere di questo genere e periodo. Altro aspetto comune alle opere è l’erotismo che connota il rapporto con l’universo femminile e il concetto d’amore per Picasso: l’arte ed il sesso erano difatti, per l’artista, la medesima cosa. Interessante sotto questo aspetto è l’opera raffigurante il bacio, soggetto comune a Picasso, Ingres e Rodin.

Pablo Picasso, Il bacio. Picasso Metamorfosi, Palazzo Reale| © foto ArtsLife

La seconda sezione è popolata da minotauri, centauri ed in particolare dalla figura di Arianna. La terza è una rievocazione delle molte esposizioni del Louvre; in questa è possibile esplorare vasi di derivazione greca. Accanto a forme tipiche della tradizione ellenica, sono ripresi bronzi dell’arte etrusca.

Orari & biglietti

Orari:
Lun 14.30-19.30 ( dalle 9:00 alle 14:00 riservato scuole)
Martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9.30-19.30
Giovedì e sabato 9.30-22.30
Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura

Biglietti:
Intero €14,00
Ridotto €12,00
Visitatori dai 18 ai 26 anni, over 65, portatori di handicap, gruppi (minimo 15 massimo 25 persone) e convenzioni
Ridotto speciale €6,00
Scuole, gruppi organizzati da Touring e FAI, giornalisti con tesserino ODG con bollino dell’anno in corso non accreditati dall’ufficio stampa e altre convenzioni
Biglietto Famiglia 1 o 2 adulti €12,00/ ragazzi dai 6 ai 14 anni € 6,00
Gratuito minori di 6 anni, guide turistiche abilitate con tesserino di riconoscimento, giornalisti accreditati dall’Ufficio Stampa e convenzioni

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here