Dipingere l’Asia dal vero, la mostra di Arnold Henry Savage Landor

Dal 14 febbraio a Torino la mostra dell'artista ed esploratore apprezzato dalla regina Vittoria

0
513

Arnold Henry Savage Landor e i suoi dipinti in mostra al Museo di arte orientale di Torino. Dal 14 febbraio sarà visitabile l’esposizione Dipingere l’Asia dal vero, un omaggio al pittore ed esploratore anglo-fiorentino che nei suoi numerosi viaggi ha rappresentato terre lontane e popolazioni diverse.

Le opere riunite al Mao, dipinti, acquerelli e disegni fino al 14 giugno provengono da collezioni private. La direzione del museo torinese presenta in quest’evento il corpus principale dell’attività artistica di Savage Landor. I suoi lavori sono un diario di viaggio visivo che rafforza le impressioni descritte nei resoconti. La mostra Dipingere l’Asia dal vero è l’occasione per avvicinarsi all’artista eclettico, fu anche fotografo e antropologo, che soggiornò in Cina, Giappone e Nepal.

Scritti e un brevetto dall’America in esposizione a Dipingere l’Asia dal vero

I dipinti sono soprattutto ritratti di personaggi incontrati durante i soggiorni all’estero e paesaggi. Il quadro del re dell’Abissinia Menelik II e quello della ragazza tibetana che usa una corda sono alcune delle opere di Savage Landor. Il talento del pittore fu riconosciuto anche dalla regina Vittoria che al castello di Balmoral visionò i suoi disegni.

Una sezione dell’esposizione torinese ruota attorno agli interessi che Arnold Henry Savage Landor coltivò durante la sua vita. Autore di molti libri di viaggio, l’artista usò uno stile semplice e coinvolgente per illustrare i modi di vivere di altre popolazioni, dimostrando l’attenzione di un antropologo. I suoi scritti parlano della rivolta dei Boxer a Pechino, China and the allies, o sulla situazione in Persia, Across coveted lands. Il più famoso è Fobidden Lands sulla sua esperienza in Tibet e Nepal. Durante la Prima guerra mondiale ideò dei carroarmati e dei veivoli da battaglia, di cui si conserva il brevetti in America e visibile alla mostra Dipingere l’Asia dal vero.

L’ingresso è gratuito per disabili, minori di 6 anni e possessori dell’abbonamento musei.

Commenti