Mosca – La difesa Russa e Usa anno sospeso causa coronavirus, le missioni dì ispezioni per nuovo trattato Start

0
150
La Russia e gli Stati Uniti hanno sospeso le missioni di ispezione bilaterali nel quadro del Nuovo trattato strategico sulla riduzione degli armamenti (Start) a causa della pandemia di Covid-19.

Lo ha riferito all’agenzia di stampa russa “Tass” il direttore esecutivo dell’Associazione per il controllo degli armamenti, Daryl Kimball. “Gli Stati Uniti e la Russia hanno concordato di sospendere le ispezioni in loco ai sensi del nuovo Trattato di riduzione delle armi strategiche fino al prossimo 1 maggio”, ha dichiarato Kimball. Mosca e Washington hanno anche concordato di rinviare l’incontro della Commissione consultiva bilaterale (Bcc), in programma a fine marzo, sempre a causa della pandemia.

Secondo quanto riferito da Kimball, la Russia e gli Stati Uniti hanno inoltre confermato la loro volontà di condurre i prossimi due incontri della Bcc entro quest’anno, come richiesto dal trattato, mentre informazioni e le notifiche relative al trattato che sarebbero state scambiate durante la riunione del Ccb saranno invece trasmesse attraverso normali canali diplomatici.

Il nuovo trattato Start, firmato da Mosca e Washington nel 2010, stabilisce che sette anni dopo la sua entrata in vigore ciascuna delle due parti non avrebbe dovuto avere più di un totale di 700 missili balistici intercontinentali dispiegati (Icbm), missili balistici lanciati da sottomarini (Slbm) e bombardieri strategici, nonché non più di 1.550 testate su Icbm schierati, Slbm schierati e bombardieri strategici e un totale di 800 lanciatori di missili schierati e non schierati.

Il trattato resterà in vigore fino al 5 febbraio 2021, a meno che non venga sostituito con un altro accordo sulla riduzione delle armi nucleari, e può essere prorogato per non più di cinque anni (fino al 2026) con il consenso di entrambe le parti. 

Commenti