Si è spento a Parigi all’età di 85 anni una delle figure più importanti e conosciute del mondo della moda.
Karl Lagerfeld, di origine tedesca, è stato alla guida di ben tre Maison contemporaneamente: Fendi, Chanel e la sua linea eponima, scrivendo una pagina della storia della moda che resterà con noi per sempre.

Ma Karl non era solo questo. Celebre per il suo abbigliamento e per gli occhiali neri, è stato stilista e fotografo leggendario – tanto che molte delle fotografie utilizzate nelle campagne sono state scattate da lui – stacanovista e inarrivabile visionario, un uomo di cultura – possedeva un totale di 50mila libri – e innamorato per il suo lavoro. Lui stesso diceva: “Disegno come respiro. Non chiedi di respirare, accade e basta. E se non riuscissi a respirare, sarei nei guai.”

Nel settembre 2018 il documentario Karl Lagerfeld – A Lonely King dei francesi Thierry Demaizière e Alban Teurlai, ha provato a rivelare la misteriosa figura dello stilista.

Karl Lagerfeld con la modella Claudia Shiffer

Un genio che ha lavorato accanto a pop star come Madonna e a modelle come Claudia Schiffer, che tra le altre era la sua modella preferita; accogliendo sotto la sua ala ragazze iconiche come Lily-Rose Depp, nata dalla relazione tra Johnny Depp e Vanessa Paradis.

Nella sua lunga carriera ha però collaborato anche con altre case di moda oltre a Chanel e Fendi, guadagnandosi il soprannome di Kaiser – in tedesco imperatore. Nel 1964 ha iniziato infatti una collaborazione con Chloé arrivando anche a lavorare accanto a colossi low cost come H&M, con cui ha firmato nel 2001 una collezione limitata. Nel 2010 ha poi posto il suo nome su quattro stagioni di collezioni di Hogan riproponendo i modelli classici del brand, sneakers e ballerine.

La sua passione arrivò anche al mondo dell’architettura e del design, grande amico di Zaha Hadid e di Tadao Ando.

Karl però era già malato da tempo. Il 22 gennaio 2019, sarebbe dovuto apparire a Parigi alla fine della sfilata di Alta Moda di Chanel, quando, inaspettatamente, il suo posto venne preso dal suo storico braccio destro Virginie Viard e dalla supermodella italiana Vittoria Ceretti. Secondo il comunicato ufficiale, al tempo della sfilata Karl si sarebbe sentito stanco, decidendo così di lasciare che fosse Virginie Viard – direttore creativo dell’ufficio stile – a rappresentarlo.

Karl Lagerfel con la cantante Rihanna

A dare invece l’ultima tragica notizia è stato il magazine francese “Closer” nella mattinata di oggi, 19 febbraio 2019, a poche ore dall’inizio della Milano fashion week. Mentre la sua pagina Instagram ha commentato: “E’ stato uno dei più influenti e celebri designer del ventunesimo secolo ed un iconico e universale simbolo di stile. Guidato da un fenomenale senso di creatività, Karl è stato appassionato, potente e intensamente curioso. Ha lasciato dietro di sé una straordinaria eredità come uno dei più grandi designer del nostro tempo, e non ci sono parole per esprimere quanto ci mancherà.”

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here