È morta Russi Taylor, storica doppiatrice di Minnie

Russi Taylor, doppiatrice di Minnie per oltre 30 anni, è morta nella sua casa in California. La Disney piange la morte di una sua grandissima collaboratrice.

0
1175

A meno di un mese dalla morte del giovane attore di Disney Channel Cameron Boyce, la Disney piange adesso un’altra artista che ha dato tantissimo alla celebre industria dell’intrattenimento. Russi Taylor, storica doppiatrice di Minnie Mouse, è morta all’età di 75 anni presso la sua abitazione a Glendale, California. Una morte che sopraggiunge dopo un percorso artistico che l’ha legata sempre di più all’iconico personaggio dei fumetti e dei cartoon Disney: il suo lavoro come doppiatrice di Minnie è infatti iniziato nel lontano 1986 e durato quindi per oltre 30 anni, confermandosi per ogni singola apparizione della compagnia di Topolino.

Per quanto la sua attività principale sia stata appunto prestare la voce all’iconica compagna di Topolino, Russi Taylor ha interpretato anche altri ruoli nella sua lunga carriera di doppiatrice: per la Disney ha lavorato anche in Duck Tales, Kim Possible, Cenerentola 3 ed altro, mentre con altre case di produzione ha prestato la sua voce a lavori altrettanto iconici come I Puffi e Gli Antenati. Nulla eguaglia però il suo sodalizio con Minnie, confermato anche da un divertente aneddoto circa la sua vita privata: Russi Taylor è stata sposata per quasi 20 anni con Wayne Allwine, doppiatore di Topolino morto nel 2009.

L’eredità artistica di Russi Taylor: a chi spetterà ora doppiare Minnie?

Nella sua lunga carriera, Russi Taylor non ha mai voluto apparire in film che non fossero d’animazione, non ha mai voluto prestare il suo volto ad un qualsiasi personaggio: la sua unica attività nel mondo dello spettacolo è stata quindi quella di doppiatrice, una scelta che da un lato la rende meno famosa di altre personalità ma dall’altro la lega a mille iconici volti per via dei quali sarà ricordata ancora a lungo. A questo punto sarà interessante scoprire a chi spetterà l’onore di sostituirla nel doppiaggio di Minnie: una sfida complessa, sia per l’importanza del personaggio che per il confronto con colei che l’ha doppiato per 30 lunghi anni.