“More Heroes” – Riflettori sul Punk: i Minor Threat

0
484
I Minor Threat

“More Heroes” è una rubrica dedicata alla scoperta dei più grandi nomi che hanno fatto la storia del punk, molti dei quali non conosciuti adeguatamente come meriterebbero. Oggi i riflettori sono puntati sui Minor Threat.

La band

I Minor Threat sono stati una band hardcore punk fondata a Washington Dc nel 1980. Nonostante una carriera di poco più di tre anni sono considerati una delle più importanti della storia del punk. Grande infatti fu la loro influenza per quel che consegue tutta la scena musicale degli anni ’80 e ’90. La formazione vedeva Ian MacKaye alla voce, Lyle Preslar alla chitarra, Brian Baker al basso e Jeff Nelson alla batteria. Nell’ultimo anno di carriera assunsero Steve Hansgen come bassista, ciò consentì a Baker di diventare secondo chitarrista.

La Dischord Records

Durante la loro attività la band registrò tre EP (di cui l’ultimo, “Salad Days”, uscito nel 1985) e l’album “Out Of Step” nel 1983. Nel 1989 tutti questi lavori vennero inseriti nell’antologia “Complete Discography”, assieme a due brani originariamente editi nella compilation dedicata alla scena hardcore di Washington intitolata “Fley Your Head”. Tutte queste uscite discografiche sono state pubblicate dall’etichetta Dischord Records. Fondata nel 1980 da Nelson e MacKaye viene ricordata per la sua etica coerente e rigorosa: auto distribuzione, produzione solo di band provenienti da Washington e prezzi dei dischi bassi. Orientata principalmente su musica hardcore nel corso degli anni ha dato spazio anche a band di altri generi.

Il movimento straight edge

Il nome dei Minor Threat è tuttavia indissolubilmente legato allo straight edge. Si tratta di una corrente di pensiero basata sull’astinenza da alcool, tabacco, droghe, sesso occasione e a favore di un’alimentazione vegetariana/vegana. Simbolo della cultura straight edge è una grande X nera, talvolta tripla, dipinta su entrambe le mani. La band, e in particolar modo MacKaye, fu una grande fautrice di questo stile di pensiero tanto che proprio il loro brano più famoso, da molti visto come un vero e proprio manifesto d’intenti, ha dato il nome all’intero movimento.

Dopo lo scioglimento

A causa di divergenze musicali i Minor Threat si sciolgono nel 1983. Dei cinque componenti vale la pena di ricordare le carriere di Baker e MacKaye: il primo, dal 1994, è chitarrista dei Bad Religion, il secondo è stato fondatore e cantante degli Embrace (band capostipite della prima ondata della scena Emo) e dei Fugazi, considerato il gruppo più importante della scena post-hardcore e famoso per la sua ferrea indipendenza dal mondo discografico.

L’anno precedente una foto su instagram di MacKaye, Baker, Nelson e Preslar seduti sugli scalini della sede della Dischord Records nella stessa posa della foto di copertina del’EP “Salad Days” ha alimentato nei fan la speranza di una reunion. Ipotesi prontamente smentita dai diretti interessati.

I Minor Threat nel 2018

Canzoni consigliate:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here