Monsignor Janiak rimosso dal Papa per aver insabbiato casi di pedofilia

Francesco I non ha remore

0
183
papa francesco

Il vescovo polacco Monsignor Janiak viene rimosso per aver insabbiato casi di pedofilia. È il caso di dire: “qui ci vorrebbe spotlight”. Fortunatamente Francesco I riesce ad essere fermo e risoluto, cosa non riuscita ai suoi predecessori.

Pedofilia: monsignor Janiak viene rimosso dai suoi incarichi, Francesco può sconfiggere la pedofilia?

Sebbene un crimine molto radicato e ben celato dai più alti funzionari ecclesiastici, possiamo dire che Papa Francesco sicuramente non si sta risparmiando. La caccia è aperta e Francesco ha sgominato una banda di depravati che operano all’interno delle parrocchie di tutto il mondo. Per ora alcuni casi di pedofilia sono stati insabbiati da Monsignor Janiak.

Francesco crea un gruppo di investigatori esterni al Vaticano per combattere i pedofili

Possiamo dire con certezza, che la pedofilia praticata da un prete sia il più abominevole atto verso un “giovane“. Il che ci riporta all’azione decisa e aggressiva di questo Papa, che vive questo reato come il “sussurro dell’abominio“. L’ora di abbattere questa ignobile pratica è arrivata: principalmente con Francesco I. Questo è innegabile!

Pedofilia: Francesco non ha remore

Monsignor Edward Janiak non è più vescovo di Kalisz, in Polonia. La decisione del Santo Padre è arrivata dopo che il documentario realizzato dai fratelli Sekielski ha portato alla luce le accuse contro il sacerdote. Nel frattempo scoppia un nuovo caso: una vittima accusa il cardinale Dziwisw, ex segretario del Papa Giovanni Paolo II di non aver mai riferito al Vaticano le molestie subite. Insomma una sorta di effetto domino da quando Spotlight, il gruppo investigativo del Boston Globe, portò alla luce le molestie sessuali perpetrati da 93 sacerdoti della diocesi di Boston. Il tutto portò ad una investigazione più ampia che rivelò, senza possibilità di replica, una vasta rete di abusi sessuali in tutto il mondo. Questo soprattutto, nelle diocesi più radicate nel mondo: Boston, Italia, Irlanda, Filippine.

Pedofilia: la morte della speranza

Non si può certo negare che l’appartenenza religiosa per molti sia una via verso la speranza. Il problema è che normalmente e notoriamente la speranza viene frantumata da coloro che dovrebbero sostenerla e proteggerla. Quello che posso consigliare, se si ama veramente il senso della religione cattolica è leggere “Il caso spotlight”. Chi ama veramente sa distruggere per proteggere e ricostruire.



Commenti